Il Rifiuto della diversità e del pluralismo: uno vale davvero uno?

Nel suo libro “Uno non vale uno” Massimiliano Panarari ci spiega magistralmente come il mito dell’ “uno vale uno” sia di fatto un rifiuto alla diversità ed al pluralismo perché esso nei fatti non è altro che un’idea omologatrice e riduzionistica.

Massimiliano Panarari, Uno non vale uno. Democrazia diretta e altri miti d’oggi, Marsilio, Venezia 2018 ISBN: 978-88-317-2970-3

Lo fa, sfatandone il mito, chiedendosi da dove abbia origine l’opinione diffusa secondo la quale se la gente comune potesse esercitare pienamente il potere, tutto andrebbe meglio.

“Su quali fantasmi ideologici si basa la pretesa di stilare un programma di governo «votato dalla Rete» e poi continuamente riscritto in base alle esigenze manifestate a colpi di click dai «cittadini costituenti»? Attraverso l’analisi di alcune espressioni chiave che richiamano altrettanti «miti» – popolo, disintermediazione, tecnopolitica, fine delle competenze e del dominio degli specialisti, democrazia diretta – Massimiliano Panarari chiarisce le radici del presunto «primato della gente» che sta scuotendo le fondamenta della nostra democrazia. E le collega alla storia recente: gli esordi con la Lega, l’exploit con il berlusconismo, le evoluzioni del «turbo-renzismo» e il trionfo del m5s. Mescolando efficacemente cultura pop e analisi sociologica, Panarari fornisce spunti e sollecitazioni per affrontare in modo non scontato le grandi questioni della crisi della rappresentanza, del dissolvimento dei partiti di massa, dell’astensionismo galoppante e la paura dei ceti medi di perdere il proprio status e la riconoscibilità sociale”.
(Fonte: http://www.marsilioeditori.it)

«Uno vale uno» è, indubbiamente, un distico seducente, dalla superficie tanto sexy quanto all’apparenza incontestabile. Evoca la politica dell’orizzontalità assoluta dentro le organizzazioni, della democrazia diretta, della disintermediazione e dell’azzeramento della separazione tra potere e cittadini. E «uno vale uno», giustappunto, lo si è sentito spesso ripetere all’interno di tutta una parte del discorso pubblico di questi nostri anni.
Ma delle verità autoevidenti e autolegittimanti (o, per meglio dire, che si presentano come tali) bisognerebbe sempre diffidare. Di molte, infatti, si sente da lontano l’eco di una moneta falsa, la quale, malauguratamente, in questi tempi di smarrimento ha larghissimo corso anche tra tante persone perbene e insospettabili, come tutti noi alla ricerca di qualche approdo o punto di appiglio. Nello scenario della postmodernità in cui siamo stati scaraventati ormai da vari decenni, riflettere sulla politica esige, sempre di più, che si ragioni con attenzione sull’immaginario e sul linguaggio.
Perché, come scriveva ne Le parole e le cose quell’imprescindibile anticipatore del pensiero postmoderno che risponde al nome di Michel Foucault, nelle condizioni del discorso (che chiamava episteme) si esprimono le varie «verità pubbliche» delle diverse epoche e società. Il volume propone un’analisi (e una decostruzione) delle narrazioni populiste e sovraniste, che si sono rivelate in grado di configurare il panorama egemonico delle idee ricevute (e assorbite) da quote rilevanti dell’opinione pubblica, e ci sono riuscite attraverso la veicolazione di una neolingua assertiva, manichea e dicotomica, che vuole deliberatamente generare contrapposizioni. Una politica linguistica che rinuncia programmaticamente al compromesso, anzi, lo stigmatizza esplicitamente come «immorale», puntando così sovente ad azzerare la possibilità stessa del dibattito, attraverso concetti tanto basici ed elementari (una sorta di «lessico») che diventa di fatto impossibile dichiararsi contro, oppure negando una legittimità «etica» al portatore di opinioni differenti. Al medesimo tempo, queste narrazioni disintermediano ed eliminano la complessità e le problematicità del reale, presentandosi come (presuntamente) capaci di andare alla radice delle questioni e proponendo soluzioni che sfidano la logica basandosi su relazioni causali, spesso arbitrarie e fallaci.

Fonte: Massimiliano Panarari, Uno non vale uno. Democrazia diretta e altri miti d’oggi, Marsilio, Venezia 2018 ISBN: 978-88-317-2970-3

Qui di seguito uno stralcio della bella intervista di Michele Boroni a Massimiliano Panarari pubblicata su Sapiens

Massimiliano Panarari racconta le strategie comunicative del M5S: dalla piattaforma Rousseau, alla politica della scatola vuota. E a Salvini – Zelig

di Michele Boroni

Uno non vale uno: sembra che anche molti attivisti pentiti dei 5 Stelle se ne siano accorti
Il fatto che “uno non vale uno” sta diventando sempre più chiaro anche a coloro che avevano pensato di trovare all’interno del MoVimento 5 Stelle, ma anche di altre formazioni neopopuliste, la possibilità di far valere quest’idea di una totale orizzontalizzazione. In pratica “uno non vale uno” perché, come nella Fattoria degli animali di Orwell, all’interno del MoVimento 5 Stelle esiste un centro di potere, una gerarchia non dichiarata, una filiera di comando che prende le decisioni.

La Casaleggio Associati
Naturalmente. È un inner circle di cui fanno parte dei soggetti privati e questo rende praticamente l’idea dell’impraticabilità dell’orizzontalizzazione. Quindi uno vale uno, tranne che per la Casaleggio Associati.

Però anche nei vecchi partiti c’erano le correnti
Sì, la politica del “correntismo” ha prodotto una serie di degenerazioni; tuttavia negli altri partiti vi erano sempre una condizione di dibattito e di conflitto palesi. Mentre sulla base de l’“uno vale uno” del MoVimento 5 Stelle diventa impossibile poter esprimere il dissenso. Nella discussione del decreto sicurezza e delle politiche migratorie si è visto chiaramente che un dissenso esiste, ma fatica a esprimersi e a trovare una posizione visibile e dichiarata.

A proposito di omologazione: se è vero che “uno vale uno”, allora tutti sono sostituibili?
Esatto, i partiti neopopulisti dichiarano l’uno vale uno dei propri eletti in tema di interscambiabilità, ma anche di facile rimozione. Questo rafforza il fatto che il centro di potere che governa il decision making del partito neopopulista – la Casaleggio Associati – risulti ancora più forte e inscalfibile.

Per continuare a leggere seguire il link a Sapiens


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.