Progetto di ricerca – Solidarietà

Auf Deutsch

Solidarietà
Studi trans-disciplinari sulle forme di coesione sociale e sulla concettualizzazione della solidarietà


Alessia Terrinoni (WWU Münster) / Massimiliano Livi (Universität Trier)

Introduzione

Al più tardi a partire dagli anni Settanta del Novecento, con la crescente perdita di rilevanza delle forme industriali classiche in quanto fattori di strutturazione sociale, tutte le società dell’Europa occidentale, non ultime quelle tedesca ed italiana, hanno vissuto una dinamica di deregolamentazione e flessibilizzazione delle relazioni , che ha portato ad una frammentazione e diffusione delle forme tradizionali di identità comunitaria, sociale, politica e confessionale (Canestrini 2014; Brühl/Pollozek 2015). Si può osservare in ciò anche un cambiamento radicale e una frammentazione dei modi “tradizionali” di vivere l’appartenenza, l’esercizio della responsabilità e degli obblighi, il che, tra l’altro, ha effetti profondi su elementi e concettualizzazioni centrali nella definizione della coesione sociale, come il principio di solidarietà (Marg/Walter 2012).

Ciò nonostante nella società contemporanea il concetto di Solidarietà continua a designare in modo normativo forme di impegno attraverso le quali i membri di un gruppo, comunità o società si sentono (o dovrebbero sentirsi) responsabilmente parte dello stesso. Pur essendo intesa come valore politico e sociale “di base”, l’idea stessa di Solidarietà, come espressa sopra, non contiene di per sé però né ragioni positive di collaborazione con l’altro, né è motivo in sé di cancellazione di contrasti e differenze con questo stesso altro (Rorty 1991). Al momento ciò sembra diventare sempre più tangibile in Europa e negli Stati Uniti nelle argomentazioni politiche e sociali dei movimenti di destra e populisti. Essi non definiscono più la solidarietà come un principio integrativo e universalista di coesione sociale, ma come concetto centrale per il rilancio di comunità particolariste o come strumento di lotta contro la pluralizzazione della società.

Allo stesso tempo, però, si può anche osservare in tutti i campi, sia culturale che politico in Italia ed in Europa, che proprio questa dinamica di particolarizzazione è in realtà una reazione alla de-solidarizzazione della società. Essa viene usata come antidoto al forte individualismo del corso neoliberale, soprattutto quello economico, degli ultimi tre decenni. In questa dinamica si inseriscono sia il discorso comunitario, basato sull’idea di un destino condiviso, sia le forme deboli e temporanee di impegno all’interno di comunità temporanee o “percepite”, che prendono il posto di quelle eteronome che richiedono forti doveri di solidarietà (Bauman 2000).

Delimitazione del tema

L’osservazione iniziale di questo progetto, quindi, è che, sebbene la solidarietà sia e sarà sempre un atto di volontà di valore etico, i modelli sia concettuali che pratici, i destinatari e gli attori della solidarietà e il loro ruolo nel definire la coesione di un gruppo, comunità o società dipendono molto dal contesto storico.

Infatti anche nel contesto di individualizzazione e pluralizzazione delle società occidentali della Late Modernity, la solidarietà non sembra affatto scomparire. Essa sembra piuttosto assumere una concettualizzazione e forme diverse (Hondrich/Koch-Arzberger 1992). Per certi versi – e questa è l’ipotesi di lavoro del progetto – sembra quasi ci sia un ritorno a concettualizzazioni e soprattutto pratiche pre-moderne o addirittura pre-cristiane, frammentate, restrittive di solidarietà , che possono essere intraviste ad esempio nella sharing economy o in varie forme post-tradizionali di comunità o nelle forme di soggettivizzazione del rischio.

Ci si può allora chiedere: quali sono le nuove forme e funzione della Solidarietà in una società che, pur funzionalmente differenziata, mette in discussione o addirittura si distacca dalle principali forme di coesione sociale sviluppatesi nei secoli attraverso il cristianesimo prima, l’illuminismo poi ed infine all’interno della modernità industriale? In che misura un superamento post-moderno delle forme moderne di Solidarietà costituiscono un ritorno a forme arcaiche, tribali o comunque pre-cristiane di coesione sociale? Quali possono essere i riferimenti storici che possano aiutare a decifrare queste dinamiche?

Una importante suggestione in questo senso potrebbe venire – questa la prima ipotesi di lavoro del progetto – dall’antichità romana dove le pratiche di solidarietà, così come viene inteso oggi, non trovano una definizione unitaria. Infatti il concetto “moderno” di solidarietà combina una serie di valori che si esprimono nel latino classico con termini come vicinitas, Amicitia, Necessitudo (Cosi 2008). Altre parole, simili a quelle contemporanee, molti termini diversi come sodali, amicitia, amicitia, cliens descrivono altrettante forme di relazioni di concreto impegno sociale reciproco. E allora: quali pratiche possono essere sistematizzate? Che impatto è possibile riconoscere (per quanto sommariamente) nella strutturazione sociale e viceversa? Quali di esse possono essere riconosciute (o riscoperte) oggi come una radice culturale, sia in ragione di una (ipotetica?) continuità, sia di una (causale?) “riscoperta”?

Analisi

Da queste sommarie osservazioni e riflessioni è nata l’idea di un progetto trans-disciplinare che persegue un duplice scopo: 1) quello pensare in maniera più sistematica possibile (ricorrendo anche a mutuazioni trans-disciplinari sicuramente atipiche) alle forme riconoscibili di coesione sociale nell’antichità romana ed alla loro (eventuale) funzione strutturante. Nel caso specifico ci occuperemo di catastrofi naturali ed incendi; 2) quello di lasciarsi ispirare da questa sistematizzazione per una analisi in prospettiva (post-)moderna di concetti, modelli e pratiche di solidarietà post-tradizionale nell’Italia degli ultimi quattro decenni.

Tuttavia, il progetto non si limita a una mera storia comparativa né ad una semplice ricerca di analogia tra l’antichità romana e la società italiana contemporanea. Il progetto mira piuttosto a creare una sinergia epistemologica per entrambe le discipline attraverso una prospettiva certamente innovativa. Ciò è reso possibile esaminando ad un livello descrittivo il cambiamento dei modelli di esercizio della responsabilità e degli obblighi sociali in tutte e due le epoche attraverso una comune indagine.

  1. In che misura lo studio delle dinamiche di solidarietà (da una prospettiva terminologica contemporanea), pur in relazione ad una particolare fenomenologia, può permetterci di aprire nuovi orizzonti epistemologici sulla “società” romana?
  2. In altre parole, in che misura l’analisi della gestione di alcuni eventi catastrofici in entrambe le epoche permette di evidenziare dinamiche sociali e forme di relazioni sociali che altrimenti rimarrebbero latenti?
  3. In che misura l’analisi di una società pre-moderna, in cui sia il concetto di società che quello di solidarietà non esistono secondo le categorizzazioni sociologiche contemporanee, contribuisce a chiarire meccanismi e dinamiche attuali della frammentazione della società e della ridefinizione dei rapporti e degli spazi di solidarietà?

Metodologia

Ci occuperemo quindi empiricamente di casi di studio principalmente di diversi contesti di catastrofi naturali e soprattutto di incendi dell’antichità romana e degli ultimi 30 anni in Italia e in altri paesi. Pochi altri fattori oltre alle calamità naturali mettono in moto una varietà di meccanismi sociali e culturali che permettono l’emergere, anche se temporaneo, di diverse forme di solidarietà. Gli incendi, come terremoti, carestie, inondazioni e qualsiasi altro tipo di calamità naturale, di solito portano a cambiamenti nelle abitudini, nella mentalità e nelle dinamiche di una comunità. Che siano causate dall’uomo o per motivi naturali, le catastrofi sono una grande forza motrice di diversi meccanismi sociali e culturali a tutti i livelli di una comunità (Frie, Meier 2014; Frömming 2006). Ogni volta che si verifica una catastrofe, significa un cambiamento radicale nell’esperienza delle persone: la comunità deve riorganizzare e gestire gli effetti materiali e psicologici, spesso con effetti di lunga durata. Questo spesso crea identità, relazioni, relazioni, appartenenze, affiliazioni fugaci e/o permanenti. Nella storia recente dell’Italia, vanno citati in questo contesto gli angeli del fango a Firenze nel 1966, le catene di solidarietà internazionale dopo i terremoti in Umbria nel 1997, a L’Aquila nel 2009 o nelle Marche nel 2016, nonché la mobilitazione per l’incendio doloso intenzionale della Città della scienza di Napoli nel 2013.

Per l’antichità romana è invece più difficile descrivere la dimensione individuale e privata dell’azione sociale (come nel caso dell’evergetismo). Tuttavia, le molteplici forme di aiuto pubblico, statale e istituzionale, la loro attuazione politica e i loro effetti sulla società romana rivelano molto sull’interazione tra le forme di coesione sociale e la concettualizzazione comune della solidarietà e della responsabilità (Storchi 2009). È il caso, tra l’altro, del terremoto in Asia (Tacito, Annales II, 47-48) sotto Tiberio (Jones 2012) e degli incendi a Roma (Tacito, Annales, 15, 38-44) e a Lione (Seneca, Epistolae ad Lucilium 9) sotto Nerone (Sordi 1999; Viti 1997).

Di particolare interesse per questo progetto sarà sicuramente il riferimento analitico alla vicinitas romana. Perché questa mostra fortissime analogie con quelle forme contemporanee post-tradizionali di relazione della società del rischio (U. Beck), che come vicinitas uniscono il concetto individualistico di condivisione del rischio con un impegno multistrato di mutuo sostegno basato sui bisogni.

Attraverso una metodologia – certamente audace – per sistematizzare le dinamiche e i processi dell’antichità attraverso categorie e concetti contemporanei, ci chiederemo quindi in che misura e con quale qualità l’indagine delle azioni e delle forme di impegno sociale nell’antichità può consentire di decifrare il contesto attuale e quindi di fornire un diverso approccio alla comprensione del “degrado sociale” della società moderna.

Il progetto è affiliato all’Università di Trier – FB III Geschichte. L’output previsto del progetto consiste in un saggio metodologico-teorico ed in uno empirico.

Alessia Terrinoni, PhD ha conseguito il dottorato a Roma e Münster nel 2008 con una tesi su “Gli alemanni nell’opera di Ammianus Marcellino”. Negli anni successivi è ha svolto attività di ricerca presso presso diverse istituzioni (Istituto Italiano di Storia antica, École Française de Rome). Dal 2016 le sue attività di ricerca hanno di nuovo sede a Münster.

Bibliografia

  • R. Cosi, Le solidarietà politiche nella Repubblica romana, Bari 2008
  • Chr. P. Jones, ‘Earthquakes and emperors’, in Herrschaftsstrukturen und Herrschaftspraxis. 3, Infrastruktur und Herrschaftsorganisation im Imperium Romanum: Akten der Tagung in Zürich 19.-20.10.2012, A. Kolb (Hg.), Berlin 2014, pp. 52-65.
  • F. Ewald/M. Meier. Aufruhr – Katastophe – Konkurrenz – Zerfall. Bedrohte Ordnungen als Thema der Kulturwissenschaften, 1st edn. Bedrohte Ordnungen, vol. 1., Tübingen 2014
  • U. Frömming, Naturkatastrophen. Frankfurt am Main 2006
  • R. Marino, Povertà e malattia nella Tarda Antichità tra interventi pubblici e privati, in: Mediterraneo Antico 10 (2007), S. 319-325
  • M. Pani, Studi sull’individualismo antico, in: Antidoron. Studi in onore di Barbara Scardigli Forster, Pisa 2007, S. 317-340
  • M. Sordi, L’ incendio neroniano e la persecuzione dei Cristiani nella storiografia antica, in Neronia. 5, Néron: histoire et légende : actes du Ve colloque international de la SIEN (Clermont-Ferrand et Saint-Étienne, 2-6 novembre 1994), J.-M. Croisille, R. Martin and Y. Perrin (Hg.), Bruxelles 1999, S. 105-112
  • A. Storchi, Calamità naturali e interventi imperiali, in  Interventi imperiali in campo economico e sociale. Da Augusto al tardoantico, Bari 2009
  • A. Viti, Seneca, ep. 91: Liberale e l’incendio di Lione, in: Paideia, 52 (1997), S. 397-406
  • D. Canestrini, Antropop. La tribù globale, Turin 2014
  • Z. Bauman, Liquid Modernity, Cambridge 2000
  • K. Brühl/S. Pollozek, Die neue Wir-Kultur. Wie Gemeinschaft zum treibenden Faktor einer künftigen Wirtschaft wird, Frankfurt am Main 2015
  • S. Marg/F. Walter, Proteste in der Postdemokratie. Mob, Wutbürger und kosmopolitisches Prekariat, in: INDES. Zeitschrift für Politik und Gesellschaft 2 (2012), S. 14–25
  • R. M. Rorty, Kontingenz, Ironie und Solidarität, Frankfurt/M. 1991
  • É. Durkheim, Über soziale Arbeitsteilung. Studie über die Organisation höherer Gesellschaften, Frankfurt/M. 1992.
  • K. O.  Hondrich, C. Koch-Arzberger, Solidarität in der modernen Gesellschaft, Frankfurt/M. 1992

Altre letture su TrIBes

Post e contenuti sul tema Solidarietà pubblicati su TrIBes


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search