Anni ottanta e nuove forme di aggregazione giovanile

Image souce: Anothermag.com

Negli ultimi anni alcuni studi storici sugli anni Ottanta hanno offerto spunti ed indicazioni feconde per una rilettura del passaggio/cesura dagli anni Settanta agli anni Ottanta più articolata, meno schematica ed orientata a tenere insieme continuità e discontinuità. Beppe De Sario, ad esempio, ha proposto un approccio metodologico ed interpretativo allo studio delle forme di attivismo politico giovanile tra anni Settanta e Ottanta, che attraverso strumenti interpretativi presi dalla tradizione dei Cultural studies, supera le aporie di una distinzione troppo dicotomica tra attivismo politico negli anni Settanta e riflusso negli anni Ottanta, parlando invece di «un ben più complesso processo di scambio di esperienze, traduzione culturale e sperimentazione politica avvenuto nel passaggio tra anni settanta e ottanta» (De Sario 2009a, p. 110)  

L’innovazione, pertanto, ha preso sostanzialmente la forma di un attivismo culturale, ovvero della politicizzazione di alcuni aspetti della vita e dell’esperienza giovanile che restava fuori dall’alveo della politica moderna e delle tradizioni nazionali, in cui invece si erano collocati i movimenti giovanili del decennio precedente. Non quindi un attivismo fuori dalla politica; piuttosto un modo esplorativo di fare politica che ha incorporato i cambiamenti culturali, produttivi, della soggettività, divenendone un sensore non privo di contraddizioni. (…) l’attivismo culturale è apparso in esperienze nient’affatto marginali, vicine alla valorizzazione produttiva di nuovi campi di pratiche e attività: l’identità, le relazioni, lo stile di vita, la comunicazione, gli affetti, la produzione culturale (De Sario 2009b,p. 203)

Questo contributo di Federico Chiaricati sul punk e le bande giovanili nell’Italia degli anni Ottanta si inserisce in questa prospettiva storiografica. Esso offre spunti interessanti per chi si occupa delle trasformazioni socio-culturali avvenute nelle società occidentali “Nach dem Boom” e che influenzano ancora oggi le nostre società. Rifiutando una contrapposizione troppo netta tra i Settanta e gli Ottanta Chiaricati considera quest’ultimi «come un vero e proprio patchwork nel quale la politicizzazione dei giovani è avvenuta unendo la memoria della storia militante degli anni Settanta con materiali e immagini tratte dal mondo dei consumi e del mercato» (Chiaricati 2017). Spunti interessanti vengono offerti anche per l’analisi delle trasformazioni degli spazi urbani e di come gli attori istituzionali hanno reagito e cercato di intercettare i trends e le dinamiche socio-culturali della società italiana in trasformazione.

Bibliografia

Chiaricati, Federico (2017): Gli anni Ottanta, il punk e le bande giovanili. In: Clionet. Per un senso del tempo e dei luoghi n. 1, 2017. Disponibile online in https://rivista.clionet.it/vol1/dossier/beat_punk_underground/chiaricati-gli-anni-ottanta-il-punk-e-le-bande-giovanili.

De Sario, Beppe (2009a): “Lo sai che non si esce vivi dagli anni Ottanta?”. Esperienze attiviste tra movimento e associazionismo di base nell’Italia post-77. In: Interface: a journal for and about social movements n. Volume 1 (2), novembre, 2009, pp. 108–133. DOI: 10.4000/cei.416.

De Sario, Beppe (2009b): Resistenze innaturali. Attivismo radicale nell’Italia degli anni ’80. Milano: Agenzia X.

Chiaricati, Federico. 2017. “Gli anni Ottanta, il punk e le bande giovanili.” Clionet. Per un senso del tempo e dei luoghi 2017.

Tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta, l’Italia attraversa un periodo di forti cambiamenti sociali, economici e politici. I due decenni sono comunemente posti in contrapposizione tra loro: mentre gli anni Settanta sono rappresentati come un periodo di forti contrasti politici, che sfoceranno anche nella stagione della lotta armata, gli anni Ottanta sono solitamente dipinti come il decennio dell’individualismo e del revival consumistico, dinamiche note anche con l’espressione di «edonismo reaganiano». Proprio nel campo dei consumi si possono notare grandi differenze tra i due decenni, ma all’interno di una complessità difficilmente riconducibile a rigide schematizzazioni:

Gli anni ’70 rappresentano un decennio all’insegna della demonizzazione dei consumi: tuttavia il risultato non è una radicale riduzione degli acquisti; il consumo si politicizza e sempre più viene proposto come una nuova dimensione dello sfruttamento: più pericolosa di quella che si attua in fabbrica perché più subdola, più suadente, meno immediatamente percepibile. L’alienazione nel consumo, i falsi bisogni, le nuove povertà, le distorsioni dei consumi individuali – cui si contrappongono invece i consumi collettivi e sociali rivolti ai bisogni “veri” – sono parte integrante del dibattito e degli orientamenti al consumo di quegli anni. È il periodo in cui nasce e si diffonde il consumerismo, in cui il vissuto della pubblicità accentua al massimo le sue connotazioni negative. […] Dopo la demonizzazione degli anni ’70 – in cui si diffondono esponenzialmente ideologie che negano gli aspetti liberatori del consumo, sottolineando invece l’alienazione e le nuove schiavitù del mercato – il consumo torna [negli anni ’80] a configurarsi come uno dei momenti privilegiati dell’esistenza. […] Alla crisi delle ideologie, ideologie di rifiuto del consumo, fanno seguito orientamenti ispirati alla concretezza e al pragmatismo. Il perseguire obiettivi di benessere individuale/familiare, di crescita personale, il ripiegarsi, dopo le grandi tensioni collettive degli anni ’70, verso dimensioni che concernono maggiormente l’individuo […]. Ma sbaglierebbe chi pensasse di estrapolare al consumatore degli anni ’80 quei caratteri che avevano caratterizzato gli albori della società dei consumi, di leggere cioè come una sorta di revival neo-consumistico le attuali tendenze del consumatore.

Continua la lettura qui:

https://rivista.clionet.it/vol1/dossier/beat_punk_underground/chiaricati-gli-anni-ottanta-il-punk-e-le-bande-giovanili


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search