La „scientificazione“ del sociale e le trasformazioni della modernità

Una recensione di

Quello che andiamo qui a recensire è uno di quei volumi che spesso passano in secondo piano, perché di un genere particolare. Esso è, infatti, una raccolta di articoli pubblicati da Lutz Raphael tra il 1992 ed il 2016 e qui riproposti in maniera rivisitata, talvolta ampliata, in un unico volume. Una raccolta di articoli già pubblicati altrove non è certo uno di quei lavori che di per sé possa cambiare o influenzare gli orizzonti empirici, teorici o metodologici di una disciplina. In questo caso però il volume è invece un’operazione assolutamente benvenuta per una serie di caratteristiche e qualità che esso possiede. Tra esse sicuramente perché aiuta a mettere a fuoco attraverso una prospettiva specifica, un importante nucleo tematico delle trasformazioni del moderno nelle sue implicazioni socio-strutturali e culturali durante il ventesimo secolo, cui LR ha dato un contributo fondamentale nella storiografia tedesca ed europea in genere. Il volume permette, infatti, anche uno sguardo, volutamente specifico, sul complesso e variegato percorso di riflessione dell’autore. Nella raccolta esso si mostra coerente e preciso, in un gioco di sponda continuo tra la riflessione teorica sociologica, l’empiria storica e la sintesi metodologica per la storia contemporanea che si affaccia al nuovo millennio.

Ad esempio, negli scritti qui riproposti, la riflessione di LR gira attorno alla trasformazione, nel Ventesimo Secolo, dei modelli simbolici di riferimento (Ordnungsmuster) in relazione ad una crescente penetrazione, sia in Germania che in Francia e nell’Europa occidentale in genere, di metodi analitici scientifici nelle pratiche di programmazione politica e sociale.

A questa dinamica è dedicato il primo blocco di scritti in cui LR mette in risalto il processo di consolidamento (in particolar modo nel contributo nr. 1) di figure di esperti e consulenti in tutti gli ambiti del politico che ha attraversato tutta la modernità, dagli anni Ottanta dell’Ottocento fino alla fine del Ventesimo Secolo. Queste figure (sociologi, pedagoghi, economisti etc.) hanno assunto nel tempo funzioni sempre più centrali nei percorsi decisionali, in qualità d’istanze sia chiarificatrici, sia normative di fenomeni e processi sociali, contribuendo a raggiungere, a volte imponendola, una standardizzazione scientifica, dei modelli simbolici di riferimento (nazione, popolo, solidarietà etc.) e quindi, in ultima istanza, delle pratiche sociali relative (pag. 7) ad esempio negli ambiti di istruzione, welfare, lavoro, famiglia etc. Da un punto di vista empirico questa dinamica viene presa in esame da LR, tra gli altri, nel contributo nr. 2, ovvero nel contesto dell’organizzazione totalitaria del potere durante il Nazionalsocialismo, nello specifico del socialdarwinismo. Usando una periodizzazione più lunga, nel contributo nr. 3 l’analisi si rivolge invece alle diverse fasi di riforma dello stato sociale tedesco tra il 1933 ed il 1990. Qui LR prende in esame un’ampia serie di figure di consulenti ed esperti scientifici (giuristi, economisti, esperti di statistica etc.) per seguirne la trasformazione della loro azione professionale in ambito di programmazione sociale e politica. Il percorso di evoluzione parte dall’impostazione tecnocratica della repubblica di Weimar, attraversa la fase del regime Nazionalsocialista in cui la funzione di esperti scientifici e consulenti divenne parte integrante della pianificazione del terrore, per giungere alla fase in cui, durante la Repubblica Federale, il rapporto tra esperti e centri decisionali, normativi e di gestione del potere si professionalizza. LR riconosce infatti dalla fine degli anni Cinquanta in avanti un trend per il quale tutte le istituzioni coinvolte nei processi decisionali in ambito di politiche sociali, iniziano a consultare propri esperti. Ciò non solo superava la rediviva impostazione weimariana nella quale gli esperti erano chiamati a sorreggere scientificamente ex-post le linee politiche scelte, bensì creava anche una dinamica di diversificazione delle funzioni degli esperti, rendendoli simili ad una sorta di tribuni di gruppi di interesse, i più disparati (pag. 110).

Lo stretto legame tra la consulenza scientifica e la decisione politica ha generato, al più tardi dagli anni Settanta, da un lato un’espansione istituzionale del personale delle amministrazioni, dall’altro non pochi conflitti tra le parti in gioco, circa la loro capacità di produrre nuove idee ed orizzonti sociopolitici (pag. 114). Se durante la Repubblica di Weimar le consulenze servivano a legittimare scientificamente forme e norme sociopolitiche e durante il regime Nazista la consulenza fungeva da mero braccio scientifico della propaganda politico-ideologica del regime, fu, infatti, dai primi anni Settanta, con il dibattito sulla Neue soziale Frage che il parere degli esperti servì a generare una pluralità di modelli sociopolitici. Quanto questi processi di scientificazione del sociale possano differire in contesti diversi, ovvero seguire percorsi paralleli, viene sviluppato da LR nell’ultimo blocco di contributi (dal nr. 11 al nr. 13) attraverso tre case-studies che riguardano Germania e Francia.

Nel secondo blocco di articoli (dal 4 al 6) l’autore propone tre esempi specifici in cui le scienze storiche si trovano a dover decostruire e analizzare i modelli simbolici di riferimento del passato, creando allo stesso tempo nuove categorie attraverso cui comprenderne origine e sviluppo. È il caso ad esempio delle teorie della modernità e della modernizzazione Europea nonché dei loro modelli interpretativi (contributo nr. 4). Per LR questi sono stati fortemente influenzati dalle narrazioni nazionali, pur contribuendo però, viceversa, ad immaginare una “storiografia europea” (contributo nr. 5). Mentre gli sviluppi metodologici e teorici di una storiografia europea, non già in maniera comparativa ma piuttosto in una prospettiva che mette in risalto l’ambivalenza delle prospettive nazionali, sono al centro dei contributi del terzo blocco (dal nr. 7 al nr. 10), ancora nel secondo blocco di contributi LR mette invece in evidenza come, ponendo un focus mobile su tipologie di modelli ed elementi d’interpretazione della storia europea come quelli sviluppati nei contributi precedenti, non ultimo anche le periodizzazioni “classiche” delle storiografie nazionali o di quella “europea” possano essere relativizzate, portando in primo piano continuità altrimenti non evidenti e cesure inaspettate. È il caso del contributo nr. 6, nel quale LR ripropone le basi del suo progetto oramai decennale (in collaborazione con Anselm Döring-Manteuffel) di analisi dei nuovi processi base che costituiscono la “preistoria del presente”.

Certamente in alcuni passaggi la natura della raccolta, nonostante la rielaborazione, mette a dura prova la coerenza interna del volume, anche riguardo al titolo stesso. Ciò non inficia però l’importanza di trovare riuniti in un’unica opera, tutt’altro che pleonastica, scritti metodologici e teorici per una storia sociale del presente che s’intrecci con quella della scienza e del sapere e con la storia culturale. Al contrario, alcuni contributi meriterebbero o meglio necessiterebbero di essere tradotti in italiano.

Lutz Raphael: Ordnungsmuster und Deutungskämpfe: Wissenspraktiken im Europa des 20. Jahrhunderts, Göttingen (Vandenhoeck + Ruprecht) 2018. ISBN978-3-525-37064-3, EUR 80,00


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search