Life is Now…

Una riflessione generazionale sul calo demografico italiano

Perché l’Italia è un paese che fa sempre meno figli?

Quelle: colourbox.de

Sulle pagine del @Corriere Antonio Scurati tenta una risposta generazionale a questa domanda. In maniera convincente da una lettura differenziata, che non esclude concause, di una tendenza che per comodità viene contestualizzata all’interno delle crisi economiche, politiche e più generalmente strutturali iniziate alla fine degli anni settanta.

Proprio quest’anno la parte apicale della generazione X, la generazione che festeggiò i suoi 20 anni guardando in Tv, svagata e indifferente, la demolizione a picconate del muro di Berlino, compie 50 anni. Giunti al limite biologico della nostra capacità di riproduzione (almeno per le donne), è una domanda che non possiamo più eludere.

Scurati propone dunque una lettura culturale dell’infecondità della generazione X, cresciuta “tra il nichilismo punk anni 70 e quello neo liberista anni 80”

Il calo demografico in Italia — e in Occidente — non accade per ragioni materiali e contingenti. Nessuna analisi delle nostre condizioni di vita materiale giustifica la nostra infecondità generazionale. La controprova è semplice. Basta voltarsi indietro: i nostri padri e le nostre madri nacquero, numerosi, sotto le bombe. La nostra infecondità, il nostro braccino corto con la vita, va imputata, invece, principalmente, a ragioni culturali

Affacciatici alla vita adulta nei mirabolanti anni ’80 — un combinato di edonismo sfrenato, individualismo disperato e ottimismo patinato — sospinti dalla fanfara fasulla della «fine della storia», abbiamo vissuto a lungo, troppo a lungo, sotto dettatura della cronaca, misurando le nostre esistenze sul metro breve del presente assoluto. Un metro su cui non trovano spazio le grandi scene della vita: l’amore, l’arte, la politica (quella vera), la generazione di figli.

Ci hanno impastati con una miscela di nichilismo punk degli anni ’70 e di nichilismo neo-liberista degli ’80. Fatto sta che il futuro, e con esso il passato, è ben presto sparito dall’orizzonte del nostro esistere nel tempo. E, da sempre, generare dei figli è il canale principale per sintonizzarsi sulla frequenza del futuro.

Questo è sicuramente vero in Italia e per molti altri paesi europei, soprattutto quelli che prima della caduta del muro erano ad Ovest ed hanno vissuto dinamiche culturali simili a quelle italiane.

Ora però in molti altri paesi la tendenza sta cambiando grazie ad una nuova generazione di 20-30enni (i millenials, che in Germania ad esempio stanno avendo “molto giovani” anche il secondo figlio). Infatti, mentre le statistiche del 2018 mostrano che neanche chi è ancora in età feconda in Italia fa più figli (ne nascono molti di più in Gran Bretagna ed in Francia; la Germania si posiziona qualche punto più su dell’Italia a metà classifica in compagnia di quasi tutta la Mitteleuropa), da alcuni anni però in alcuni paesi, tra questi la Germania si assiste ad un vero e proprio Babyboom che, da una parte serve solo minimamente a compensare il calo iniziato alla fine degli anni Sessanta, dall’altra però mette in evidenza alcuni elementi importanti di controtendenza.

Nel 20016 sono nati 55mila bambini in più del 2015 e da quel momento questa quota è stata pressoché mantenuta, arrivando a quota (statistica) 1,52 figli per donna. Una cifra che si era vista l’ultima volta nel 1972.

I motivi sono vari e Die Zeit ne elenca tre: 1) al momento ci sono statisticamente molte più donne in età di avere figli, e li stanno avendo; 2) queste donne stanno avendo figli statisticamente un po’ più tardi (mediamente attorno ai 30 anni), cosi che il calo degli anni precedenti viene sostanzialmente recuperato nel lustro successivo 3) i flussi migratori stanno aiutando questo trend, dando nuova linfa vitale alla società (e a lungo termine alla produttività ed al Welfare tutto).

Per approfondire:

Abbiamo vissuto solo nel presente. Ecco perché ci ritroviamo senza più figli (A. Scurati)

https://www.corriere.it/cronache/19_ottobre_14/03-interni-documentoacorriere-web-sezioni-9aa5dff0-eeb5-11e9-9f60-b6a35d70d218.shtml

Wieso kommen gerade so viele Babys zur Welt? (E. Erdmann und L. Fischer)

https://www.zeit.de/wissen/2018-07/geburten-deutschland-anstieg-2018



Diesen Blogbeitrag zitieren
Massimiliano Livi (2019, 15. Oktober). Life is Now… TrIBES. Abgerufen am 21. Juni 2024, von https://doi.org/10.58079/uxj5

Das könnte dich auch interessieren …

Eine Antwort

  1. Herzlichen Dank für den interessanter Post! Sehr cooler Tipp.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search