Crisi della sinistra e società dei consumi

Il libro di Massimo Ilardi Sinistra. La crisi di una cultura rappresenta una lettura interessante non solo per comprendere la crisi delle socialdemocrazie in Europa, ma soprattutto per riflettere su dinamiche reali che hanno attraversato le società europee a partire dagli anni Settanta e sui limiti dei partiti di sinistra nel rapportarsi ad esse ed analizzarle.

Le tesi portanti del libro sono due: La prima è la centralità assunta dal consumo nella società e nell’esistenza degli individui, al punto che il consumo stesso è definito «stato di necessità  che, come tale, fuoriesce dalla dimensione economica  per entrare nel mondo della cultura e delle mentalità  e dunque per appartenere a valori e comportamenti che in questo caso rompono con le regole che hanno garantito al sistema di mercato ordine, razionalità, socialità »[1]  Accanto alla funzione individualizzatrice del consumo, Ilardi sottolinea come esso abbia anche un potenziale distruttivo delle norme, in quanto portatore di nuove istanze di libertà ed emancipazione:

È il consumo, inteso come capacità di trasformare o distruggere incessantemente ogni aspetto della vita materiale e immateriale, a porsi come una delle condizioni centrali dell’esistenza. (…) Sotto la spinta del desiderio che non conosce limiti mediazioni, il consumo fuoriesce dalle regole del mercato e si afferma come dimensione extraeconomica.[2]

 

La seconda tesi riguarda la centralità della dimensione metropolitana, e più in generale dello spazio, nelle lotte nella società post-fondista.  Contrariamente alle diagnosi che, di fronte alla globalizzazione e alla digitalizzazione, vedono una scomparsa della dimensione territoriale, Ilardi afferma il ritorno della rilevanza sociale e politica dello Spazio, in questo caso spazio metropolitano. Nelle metropoli cambierebbe infatti anche la dimensione della lotta: non più rivoluzioni, ma ribellioni «destituenti». Cambierebbe inoltre anche l’oggetto delle lotte,: non più legate alla produzione e al lavoro, ma  alla dimensione del consumo e della libertà oltre le norme sociali del mercato, «con le sue regole che impediscono di chiudere lo scarto tra il desiderio e la reale possibilità di soddisfarlo»[3]. E muterebbe altresì anche il rapporto delle lotte con la dimensione temporale, non più orientate al futuro, ma alla dimensione del presente, del qui e ora.

In sé non sono idee nuove. Se ne può rintracciare la fenomenologia sin da quel Movimento di strani studenti che fu il Settantasette (non a caso Ilardi individua la crisi della sinistra tradizionale proprio nell’incomprensione e nella criminalizzazione da parte del PCI di Berlinguer del movimento del Settantasette). Tuttavia ci sono vari spunti interessanti nel libro che non dovrebbero essere ignorati a sinistra, nell’ottica, inevitabilmente di lungo periodo, di uscire dal guado melmoso in cui galleggiano le sinistre che hanno inseguito il mito neoliberista:

  • La dimensione territoriale e spaziale: la centralità di questa dimensione nella società globale emerge paradossalmente con il successo dei fenomeni populisti: in Italia la Lega tradizionalmente ha sempre avuto un forte radicamento sul territorio. Il rapporto con le lotte urbane, con le lotte contro la gentrificazione delle città e le lotte sociali territorialmente radicate sarebbe da riconsiderare e recuperare per una sinistra che voglia contendersi questa dimensione con i populisti.
  • Il rapporto tra le nuove soggettività sociali ed antagoniste con il consumo e con il mercato.

In uno dei passaggi più interessanti Ilardi sottolinea come le culture che sono all’origine di quel carattere distruttivo che è la modalità di espressione primaria in una società del consumo, non costruiscano identità sottratte al flusso inesorabile del mutamento, ma appartenenze effimere e transitorie che tendono però a porsi come indisponibili e non negoziabili: perché nascono dai desideri e dalle paure[4]

 

Due punti della riflessione di Ilardi rimangono a mio parere controversi. Da un lato c’è la radicale sostituzione del rapporto tra lavoro e capitale con quello tra individuo, consumo e libertà. Se è vero, come dice l’autore, che il lavoro, pur permeando ancora le esistenze degli individui, non è più in grado di «imporsi come categoria politica, a costituire  soggettività e a costruire azione politica»[5], questo non significa che in futuro non lo possa più fare; se è vero che molti movimenti metropolitani degli ultimi trent’anni non sono nati sul terreno della produzione e con rivendicazioni legate alla dimensione lavorativa, è pur vero che il Lavoro rimane un fattore determinante della strutturazione sociale e delle diseguaglianze sociali  e in quanto tale, non dovrebbe essere semplicemente espulso dalla riflessione sulle nuove identità sociali ma piuttosto ripensato o riconcettualizzato. Legata a questo punto, rimane una seconda perplessità. Se come dice Ilardi «sul territorio conta il rispetto e non la solidarietà. Molto spesso il solo scopo del conflitto è quello di provocare ed innescare il conflitto stesso»[6], in che modo si può contendere la dimensione spaziale/metropolitana all’ondata dei populismi di destra che proprio su un conflitto esclusivista giocano la loro partita? A parere di chi scrive non solo la dimensione della solidarietà non è staccata da quella del conflitto sociale, ma è proprio nel suo recupero politico che si può e si deve sviluppare l’emancipazione dei soggetti nella società del consumo.

Per un’altra interessante riflessione sullo stesso testo:  La crisi di una cultura What is Left? (https://operavivamagazine.org)

 

 

 

[1] Massimo Ilardi, Sinistra. La crisi di una cultura (= INbreve), Roma 2019, S. 60.

[2] Ebd., S. 98.

[3] Ebd., S. 75.

[4] Ebd., S. 94.

[5] Ebd., S. 61–62.

[6] Ebd., S. 94.


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search