L’età dell’insicurezza

“Con il nuovo secolo il «principio speranza» è stato schiacciato dal «principio paura». Il termine «paura» va qui inteso come sintesi di un’ampia gamma di sentimenti politici che abbracciano la delusione, lo sconforto, lo smarrimento, il senso di sconfitta, di esser stati traditi, di declassamento, fino all’astio, al rancore, alla rabbia vendicativa.”

“Questo progressivo immalinconirsi della coscienza politica dell’intera Europa, questo prevalere delle «passioni tristi», delle pulsioni reattive, sulle «passioni speranzose», sulle spinte progressive, non è uno slittamento nell’immaginario privo di fondamenta nella realtà.”

“Ciò che abbiamo chiamato «Paura» è attualmente, indubbiamente, tristemente, una passione politica più forte della speranza. L’unico possibile futuro della tradizione politica della sinistra progressista è, per l’appunto, di tornare a essere un partito del futuro.”


Così la passione per il futuro è rimasta schiacciata dalla paura

Nel nuovo secolo lo sconforto ha sostituito la speranza nel progresso. E il voto in Emilia non cambia scenario: la sinistra è minoranza nel Paese

 
 
 
Continua a leggere qui: https://www.corriere.it/
29 gennaio 2020 (modifica il 29 gennaio 2020 | 21:40)
 


Diesen Blogbeitrag zitieren
Massimiliano Livi (2020, 30. Januar). L’età dell’insicurezza. TrIBES. Abgerufen am 21. Juni 2024, von https://doi.org/10.58079/uxj9

Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search