#iostoacasa e le sue contraddizioni

Al tempo del coronavirus la casa e la famiglia non sono solo focolai caldi e accoglienti ai quali tornare ma luoghi di contraddizione e di conflitto, anche sociale.

„The Angel in the House“
Coventry Patmore (1823-1896)

L’emergenza Covid-19 ci mette davanti a una serie di contraddizioni che in molti hanno sottolineato. La contraddizione di una sanità pubblica che si è andata progressivamente privatizzando con il consenso più o meno tacito delle varie classi dirigenti, di uno stato sociale ridotto all’osso che oggi si dimostra non in grado di sostenere chi paga lo scotto con la perdita o la riduzione drastica del reddito da lavoro salariato. Ma c’è un’altra contraddizione che questa emergenza rende plastica: quella insita nel modello di sviluppo urbano che viene messo in pratica da oltre un trentennio, difeso da politiche securitarie e nel quale lo spazio pubblico viene svuotato dall’interno, fino a implodere su se stesso

L’emergenza pandemia ci sta facendo assaporare gli effetti e le implicazioni sulla nostra vita di un modello di sviluppo urbano che mette lo spazio privato al di sopra di tutto, un dominio totale e indiscusso contro cui molti e molte si sono battuti sul piano collettivo. Oggi però tutto ciò è evidente anche sul piano personale. Dovremmo non dimenticarcene più. Fra tutte le cose da rimettere in discussione nel post Coronavirus c’è anche questo: il modello di città che abbiamo in mente, il modo in cui gli spazi si articolano in modo complesso, il tipo di convivenza al quale ci siamo arresi. Lo scenario urbano che conosciamo e a cui siamo stati assuefatti per ora non c’è più, ma un’altra città non c’è ancora. Non basta praticarne forme alternative, non ci può più essere sufficiente la militanza in isole felici. Il momento per un altro modello è ora, quando quando il velo di Maya cade e il noumeno, la realtà, si mostra in modo disarmante. Anche se solo per un attimo, anche se solo per il tempo di una pandemia. 

Casa è bene, fuori è male. Quest’associazione viene proposta con un meccanicismo talmente semplice da essere disarmante, inoppugnabile. Eppure è strano, perché le politiche messe in atto fino a oggi sono andate nella direzione opposta: la casa – e quindi starci dentro nei momenti di pericolo – non è un diritto di tutti, ma solo di chi se la può permettere. Fino a poche settimane fa chi voleva a tutti i costi una casa, chi la rivendicava come un diritto è stato punito, multato, umiliato con strumenti legislativi, prima ancora che repressivi, come con l’articolo 5 del Piano Casa Renzi-Lupi. Sono curiose quelle politiche che prima la casa te la tolgono e poi ti invitano a rinchiudertici. 

Carlotta Caciagli , da „Vivere senza spazi pubblici“ https://jacobinitalia.it/vivere-senza-spazi-pubblici


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search