Didattica a distanza e differenze – 1

Dopo due settimane, anzi tre, di didattica a distanza comincia a venir fuori il problema vero. Che non sono i ragazzi, non lo sono mai. Sono le differenze.

Le differenze tra chi ha un computer, una stampante, un telefono, un iPad e i genitori che si interessano, chiedono, sollecitano, si incazzano pure, ma almeno ci sono. E chi invece ha i genitori che non hanno ancora capito bene, hanno soltanto un cellulare con la connessione zoppa, venti schede per materia, per ogni figlio, e non le possono stampare, anche perché magari i figli sono tre o quattro.

E chi manca? Non i più disinteressati. I più deboli. Che poi magari si disinteressano perché se non riesci a star dietro a tutto è facile pensare “ma sì, pazienza, non fa per me, chissenefrega”.


Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search