Emergenza didattica

“La cosiddetta «scuola a distanza», precipitata all’improvviso su studenti e docenti a causa della chiusura per l’emergenza Coronavirus, pone problemi didattici e di tutela del lavoro che è bene tenere a mente”

“Si apre la strada a una sorta di controllo, non necessariamente utile o adeguato, delle più diverse informazioni riguardanti il lavoro dei docenti – controllo che può essere esercitato sia da parte degli utenti (scuole e famiglie) sia dai dirigenti scolastici, diventati «dirigenti-manager» con poteri molto ampi, sempre a partire dalla riforma 107/2015. Ciò si può tradurre in un ampio ventaglio di problemi, dalla salvaguardia della libertà di insegnamento (art. 33 della Costituzione italiana) a un controllo degli adempimenti procedurali e burocratici più minuti, che può diventare pervasivo nell’anno di prova dei docenti neoassunti o anche dei nuovi dirigenti scolastici (come emerge da una prima lettura del decreto 956/2019)”


Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search