«Conoscere noi stessi» attraverso la didattica digitale

Giovanna Caltanissetta e Danilo Corradi, La lezione del contagio, in: Jacobin Italia (20.03.2020)

Le scuole, prima in Lombardia, poi nel resto del paese, sono stati i primi spazi pubblici chiusi d’ufficio a causa del Coronavirus. Una decisione epocale, con tempi al momento ancora sconosciuti. Sin dalle prime ore di «sospensione delle attività didattiche», la Dad – «Didattica a distanza» – è stata proposta con forza come mezzo alternativo capace di garantire continuità formativa e diritto allo studio in tempi di pandemia.

 

Pur mettendola in pratica, ci rendiamo conto che la Dad rischia di accentuare il peso delle differenze sociali, economiche e culturali che attraversano la scuola. La crisi amplifica ciò che già è, perché nella scuola italiana i risultati scolastici dipendono in larga parte dalla situazione socio-economica di provenienza, dal luogo in cui si vive o a dall’indirizzo di studio che ha precocemente e gerarchicamente canalizzato, e selezionato, il corpo studentesco.

 

Dunque, la Didattica a distanza va evitata? Nelle condizioni attuali è impossibile farne a meno. Ma attenzione a esaltarla, facendo finta che la scuola possa andare avanti come se nulla fosse. La scuola è chiusa, le attività didattiche sospese, l’anno scolastico è in larga parte pregiudicato. Prendiamone atto. Poi c’è il volontarismo di docenti e studenti, i rapporti umani e anche qualche potenzialità. Quella, per esempio, di provare a studiare senza aderire rigidamente ai programmi, provando a connettersi con lo stato emotivo, con la sofferenza, l’ansia, il dolore, la rabbia e la speranza dei nostri studenti. La didattica online potrebbe ridurre, paradossalmente, le distanze […]. Un contesto eccezionale potrebbe aiutare a trovare linee nuove dove instillare l’idea che lo studio non è finalizzato al voto o al semplice sbocco professionale, ma alla vita, al «conoscere noi stessi», sapendo che tale impresa è possibile solo se rivolgiamo lo sguardo al mondo. E invece no, l’imperativo dell’ultima nota del ministero e le immediate circolari di molti dirigenti scolastici chiedono di trovare le forme e i criteri della valutazione a distanza.


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search