Storici per l’Europa: „È in gioco il destino dell’intero continente“

„Das Schicksal des Kontinents steht auf dem Spiel“, Ein Interview von Katja Iken

Intervista a Massimiliano Livi a seguito dell’appello all’UE firmato da oltre 300 storici e storiche europei

Originale in tedesco qui: Spiegel.de

Da DER SPIEGEL – Storia 08.04.2020
Intervista di Katja Iken

Nella crisi del coronavirus, gli stati particolarmente colpiti come l’Italia e la Spagna chiedono solidarietà sotto forma di obbligazioni ed aiuti dai paesi dell’euro per alleviare la miseria economica. Il no tedesco a tali soluzioni sta attualmente facendo arrabbiare molti italiani – un risentimento massiccio si sta diffondendo, soprattutto su Internet.

Lunedì scorso gli storici Carlo Spagnolo, Vito Gironda, Christian Jansen e Massimiliano Livi si sono quindi rivolti all’Unione Europea e ai governi degli Stati membri in una lettera aperta. Avvertono che „senza decisioni coraggiose e senza un intervento lungimirante e senza precedenti da parte dell’Ue“, la „crisi attuale potrebbe portare a un’emergenza democratica“.

Abbiamo parlato con Massimiliano Livi, docente a Treviri, del perché il risentimento antitedesco è una tradizione in Italia e perché anche gli storici hanno il compito di invalidare le argomentazioni sciocche.

SPIEGEL: il comico e attore italiano Tullio Solenghi ha recentemente inveito in un discorso di odio su YouTube di tre minuti, ha detto che i tedeschi hanno iniziato due guerre mondiali e ucciso milioni di ebrei, che sono essere arroganti e senza cuore, e che si considerano ancora „una razza superiore“. A quanti italiani parla all’animo?

Livi: Difficile a dirsi. Queste opinioni trovano rapidamente risonanza su Facebook, Twitter e WhatsApp. A causa delle severe misure anti-corona in Italia, molte più persone del solito sono coinvolte nei social media. Meme e video di gruppi e canali populisti, apertamente neofascisti, sono diffusi e spesso trasmessi in modo acritico. Il problema: l’odio e il risentimento antitedesco sono prodotti dalla distorsione delle argomentazioni storiche. Finché questo rimane nei social media e provoca un vortice di clic, tutto è relativamente brutto – a un attore di teatro è permesso di dire quello che vuole. È più problematico quando tali argomenti entrano nel mainstream offline, vengono ripresi da celebrità e media importanti.

SPIEGEL: Allude a un annuncio pubblicitario sul „Frankfurter Allgemeine Zeitung“, promosso dal politico socialdemocratico europeo Carlo Calenda?

Livi: Esattamente. Calenda e i politici e i sindaci italiani che hanno firmato l’annuncio hanno ricordato ai „cari amici tedeschi“ l’Accordo sul debito di Londra del 1953, quando 21 paesi, tra cui l’Italia, dimezzarono il debito della Germania e rinviarono il resto. L’annuncio ha distorto alcuni dei temi pur corretti e ha contribuito a costruire una narrazione che è servita anche ad argomentazioni piatte e populiste.

SPIEGEL: L’accordo sul debito di Londra esisteva davvero. La Germania non ne ha beneficiato in modo massiccio?

Livi: È vero, ma le decisioni prese a Londra devono essere contestualizzate! Nel 1953 i Paesi non erano guidati dal principio di solidarietà, ma da una logica molto razionale: gli americani insistevano sull’integrazione della Germania nel nuovo ordine liberale, capitalista, guidato dagli Stati Uniti perché funzionale alla logica geopolitica in Europa. Una Germania economicamente forte doveva fungere da baluardo anticomunista. Questo era il punto.

SPIEGEL: E di cosa si tratta oggi?

Livi: Osserviamo che l’opinione pubblica del Sud Europa si aspetta un’azione – anche se solo simbolica – dalla Germania, un segnale di sincera collaborazione. Questo potrebbe essere, ad esempio, un impegno per una sorta di assicurazione contro la disoccupazione europea o misure per fornire una protezione europea sul mercato del lavoro nei paesi del Mediterraneo. Purtroppo, sono le asimmetrie esistenti che suscitano un risentimento così duro. Anche se i risentimenti antitedeschi non sono mainstream e molti italiani la pensano diversamente, per noi storici le distorsioni della storia sono inaccettabili.

SPIEGEL: Per contrastare queste rappresentazioni del „nemico“, lei e i suoi tre colleghi Carlo Spagnolo, Vito Gironda e Christian Jansen avete dato vita ad una lettera aperta all’Ue e ai governi degli Stati membri. Cosa volete ottenere con questo?

Livi: Ci troviamo di fronte a una situazione eccezionale, che non riguarda solo l’emergenza virus – è la famosa goccia che ha fatto traboccare il vaso. Sono in gioco il destino dell’intero continente e la sua futura autonomia. Le prossime decisioni riguardano anche paesi che si sentono forti ma sono in realtà più fragili di quanto pensano. Vogliamo chiarire che non si tratta solo di proteggere i creditori dai debitori. È molto più importante pensare al nostro futuro comune e fornire i mezzi per realizzarlo.

SPIEGEL: Che cosa significherebbe?

Livi: La nostra lettera aperta non chiede strumenti economici specifici. Stiamo solo facendo notare all’opinione pubblica che è necessario agire – e che occorre agire nella direzione di „più Europa“.

SPIEGEL: Quali sono state le reazioni alla sua lettera aperta?

Livi: La risposta è stata enorme: nel giro di poche ore abbiamo raccolto 180 firme di importanti colleghi in Germania e in Italia. Noi storici siamo abituati a reagire lentamente, a pensare a lungo e intensamente prima di esprimere le nostre opinioni. Ma ora era importante per noi dare rapidamente un segno di vita dalla scienza. L’argomento è fonte di preoccupazione per molti. Non c’è da stupirsi: il processo di integrazione europea è uno dei processi storici più importanti del dopoguerra. E uno dei pochi che ancora oggi influenzano così fortemente la nostra vita di cittadini.

SPIEGEL: Cosa possono fare gli storici in una situazione del genere?

Livi: Poco (ride). Tuttavia, ci sentiamo moralmente obbligati a prendere una posizione. La storia ha un ruolo sempre più importante da svolgere quando si tratta di orientamento, di educazione politica differenziata. Abbiamo la responsabilità di mettere in moto processi di pensiero. Infine, uno sguardo alla storia, soprattutto alla storia europea del dopoguerra, ci aiuta a non diventare troppo pessimisti di fronte alla crisi attuale: Gli scenari passati erano molto peggiori. Noi storici non abbiamo ricette per risolvere i problemi. Ma possiamo verificare la veridicità di certi argomenti – o invalidarli nella loro „stupidità“.

SPIEGEL: Su quali stereotipi si è basato il dibattito sui Corona Bond?

Livi: Il risentimento verso la Germania è sempre stato una costante italiana, a volte sottocutaneo, a volte evidente. Soprattutto in tempi di crisi, i sentimenti antitedeschi sono stati usati sia dalla destra che dalla sinistra per costruire una narrazione di eroi e vittime allo stesso tempo. La narrativa antitedesca ha sempre unito i più diversi schieramenti politici: nazionalisti, populisti, marxisti e anche alcuni liberali. Oggi la gente si lamenta della Germania – ma in sostanza si riferisce all’UE. Gli euroscettici italiani amano usare la retorica antitedesca per articolare le critiche all’Unione Europea.

SPIEGEL: Sempre più spesso in Italia si fanno allusioni al „Terzo Reich“. Ad esempio, l’economista Paolo Savona, capo dell’autorità di vigilanza della borsa italiana, ha confrontato il comportamento del governo tedesco con i metodi della Germania nazista. Quanto è profonda la paura di una Germania dominante?

Livi: Savona ha 83 anni. In questa generazione la guerra è ancora molto presente, la metafora della Germania dominante evoca ancora ricordi dolorosi. Nel dibattito attuale, però, molti italiani hanno meno paura di una Germania neonazista o imperialista che di una Germania sorda alle richieste degli altri Paesi.

SPIEGEL: Il proprio fascismo è relativamente poco discusso in Italia.

Livi: Uno dei motivi è che il XX secolo è raramente trattato in modo completo nelle lezioni scolastiche, spesso si conclude con la prima guerra mondiale. Le lezioni di storia sono state ridotte in tutti i tipi di scuole, il che non contribuisce all’educazione politica degli italiani. D’altra parte, gli italiani hanno un rapporto completamente diverso con la storia rispetto ai tedeschi. La „Resistenza“, cioè la lotta di liberazione contro i nazisti tra il 1943 e il 1945, ha permesso di prendere le distanze dalla politica fascista. In questo ha avuto un ruolo anche la tradizione cattolica del perdono: la Democrazia Cristiana, che ha regnato dopo la seconda guerra mondiale, era un partito fortemente orientato al perdono.

SPIEGEL: Riesce a capire questo furore?

Livi: Molte critiche sono certamente giustificate. L’Italia si è sentita svantaggiata dall’UE per decenni. La crisi economica, che la Germania ha rapidamente superato, non è stata ancora completamente superata in Italia alla fine del 2019. I requisiti dell’UE hanno portato a enormi misure di riduzione dei costi – anche nel sistema sanitario. Inoltre, molti italiani si sentono lasciati soli dall’Ue, soprattutto per quanto riguarda la crisi dei rifugiati. E Il rifiuto dei Corona Bonds è stato comunicato in modo piuttosto freddo dalla parte tedesca. Questo non è stato ben accolto.

SPIEGEL: Proprio come la recente espressione di simpatia per l’Italia del giornale „Bild“. Anche il giornale „Corriere della Sera“, altrimenti piuttosto tedesco, ha denunciato l’azione come „ipocrita“.

Livi: Era pieno di stereotipi. „Abbiamo sempre voluto essere come te. Così calmo, così bello, così appassionato. Volevamo cucinare la pasta come te, bere Campari Soda come te, fare l’amore come te. La Dolce Vita“, diceva.

SPIEGEL: Questo è probabilmente il cliché tedesco dell’Italia.

Livi: Allo stesso tempo c’è la variante del „virtuoso“ nord europeo e dell'“irresponsabile“ sud europeo. Questo genere di cose persiste, non importa quanti seminari e conferenze noi storici organizziamo.

SPIEGEL: Anche lei vede un’opportunità nella crisi attuale?

Livi: Siamo a una svolta storica. Ciò di cui abbiamo bisogno ora è più cooperazione europea e accordo politico. Ciò che serve è un grande progetto di rivitalizzazione in settori strategici, una maggiore protezione delle democrazie di tutti gli Stati membri. Dobbiamo finalmente superare il nazionalismo ricorrente. Se non riusciremo a farlo, i fili dell’Europa si spezzeranno ancora una volta. Ci ritroveremo quindi in conflitti che gli storici conoscono fin troppo bene a causa della nostra preoccupazione per il passato


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search