Il conservatorismo che non ti aspetti. La scena #TradWife e l’estrema destra

Già da molti anni una lunga serie di trend si manifesta nella cultura pop occidentale sotto forma di tendenze sostanzialmente individualizzate che, almeno apparentemente, non trovano una immediata connotazione politica. Tra questi trend quello più noto e popolare è sicuramente il veganesimo. Tra le tendenze più recenti vi è però anche quella delle „TradWife“, come si è soprannominata quella “tribù” di donne che ha pubblicamente scelto di non lavorare per prendersi cura dei propri figli, del marito, della casa come se vivesse nel 1959.

Submitting to my husband like it’s 1959’: Why I became a TradWife

Video from BBC Stories

Quello della casalinga non è necessariamente, e neanche propriamente, un nuovo trend, anche se corre sui social media. Tuttavia, esso ci racconta molto sia della (post)modernità in cui ci troviamo e sia dell’implicazione politica di destra di quello che solo apparentemente sembra un innocente conservatorismo, messo in bella vista attraverso hashtags come #tradwife #tradlife o veicolato da canali social come la Darling Academy.

Come le donne conservatrici della borghesia tedesca di un secolo fa anche le TradWives contemporanee si considerano, nel dibattito social, le vere femministe che hanno deciso di scegliere consapevolmente, in controtendenza al femminismo mainstream, di non lavorare e di mettere marito e figli al primo posto. Si tratta di un anticonformismo rivendicato come ultra-femminismo per il quale quella di essere casalinghe diventa una scelta di libertà e non una imposizione sistemica. È la stessa scelta di libertà (ribaltata) che negli anni Sessanta veniva rivolta contro le aspettative normative patriarcali, in nome dell’emancipazione e dell’uguaglianza. Attraverso la scelta di una femminilità idealizzata in una pacificante complementarità uomo/donna, ora essa serve a superare sia la questione dell’eguaglianza sia i conflitti che essa porta con sé.

Ovviamente – ci ricorda Jennifer Guerra – “questo modello non mette minimamente in discussione l’ordine costituito e, pertanto, ha ben poco di femminista. Anzi, assume come premessa che le donne siano naturalmente portate a essere madri e mogli, perpetrando l’idea che il ruolo della donna nella società sia solo riproduttivo e non produttivo. La libera scelta a cui si richiama, quindi, è soltanto illusoria” < https://thevision.com/attualita/estrema-destra-femminismo-razzismo/>

Il TradWife, infatti, se preso sul serio, cerca di esprimere una critica alle aporie di un femminismo (quello bianco, criticato anche dalle femministe nere) che riesce a considerare il lavoro fuori casa solo nella prospettiva emancipatoria e non una come una imposizione ai fini della sopravvivenza per emarginate, ragazze-madri e proletarie.

Del resto non pochi vedono nelle TradWives anche una sorta di critica alla promessa di un equilibrio tra lavoro e vita privata, spazzata via dal neo-liberismo e dai tagli ai sistemi sociali occidentali. Ed è così che si spiega la popolarità dell’hashtag #MeToo tra le TradWives, usato per mettere in evidenza come la modernità (e la liberazione sessuale) abbiano reso la vita delle donne inaccettabilmente pericolosa.

La ricerca della sicurezza e dell’ottimizzazione individuale gioca un ruolo primario in questa tendenza di “ritradizionalizzazione” dei ruoli di genere, che mette al centro una volontaria sottomissione coniugale a compensazione della perdita di fiducia nel benessere e nel progresso, già motore della modernità classica. Il tutto è simbolizzato da un diffuso ideale di casa bella e curata cui si associa una cucina sana, per la quale molte donne (anche in epoca di corona) oggi non hanno più tempo.

Non a caso sicurezza e benessere vengono idealizzati in un modello di vita borghese collocato temporalmente nel cuore dei Trente Glorieuses, ovvero negli altrettanto idealizzati anni Cinquanta, ancora lontani dalle rivoluzioni del 1968 e dalle insicurezze del neo-liberismo degli anni Novanta. Queste sono ritenute i veri responsabili della mercificazione femminile e della sessualizzazione della violenza.

Die heute frei gewählte und lustvoll inszenierte Hausfrauenrolle wird wahrscheinlich am besten verstanden, wenn man sie nicht als gesellschaftspolitisches Statement, sondern als aufwändiges Rollenspiel auffasst. Dafür gibt es viele Indizien, nicht zuletzt den starken Fetischcharakter der Bewegung, der sich in den immer gleichen Petticoat-Bildern äußert. Das ist eine ästhetische Sprache, die keineswegs historisch oder traditionell ist, sondern vielmehr hochartifiziell: Es ist die Werbesprache der Fünfziger, es sind genau die Bilder, mit denen man damals versuchte, Frauen – die im Zweiten Weltkrieg überall gebraucht worden waren – die Zurückdrängung aus dem Arbeitsmarkt in den Haushalt als idyllisch zu verkaufen.

(Catherine Newmark, Unsere lieben Hausfrauen, Zeit.de, 28. Februar 2020)

Quello delle TradWives è infatti un “movimento” urbano, borghese e soprattutto  bianco (come molti altri fenomeni pop conservatori contemporanei) che non apre solo la porta in petticoat e filo di perle al patriarcato di ritorno (ammesso che se ne sia mai andato), quanto piuttosto alla nostalgia del “periodo in cui si poteva lasciare la porta di casa aperta e sapere che si era al sicuro perché si conoscevano gli estranei per strada“ e ad un intero set di valori conservatori che sono la piattaforma ideale per la destra radicale americana ed europea.

La Lega Nord, ad esempio, sin dai tempi in cui governava con Berlusconi, ha adottato la retorica del “proteggere le nostre donne” dalla minaccia straniera. Il machismo è sempre stato una caratteristica molto importante per questo partito, esemplificato nell’idealtipo del “maschio padano”, forte, lavoratore e onesto. La naturale conseguenza è l’assunzione del ruolo di “salvatore” delle donne – italiane e bianche, ovviamente – dall’esatta nemesi di questo stereotipo, cioè l’immigrato violento, sfaticato e opportunista. Salvini, ad esempio, parla di violenza di genere praticamente solo quando a commettere il reato è una persona straniera o di origine straniera, dicendo di voler proteggere “la nostra cultura e le nostre donne”. L’enfasi sulla tutela delle donne viene quindi usata in modo strumentale da un partito tradizionalmente maschilista, con l’aggravante di escludere le donne non italiane.

Jennifer Guerra, Come l’estrema destra sta usando il femminismo per giustificare il razzismo, The Vision, 31 Dicembre 2019

Sebbene non ci sia nulla di particolarmente nuovo in questo messaggio all’interno dell’estrema destra e le TradWives costituiscano una sottocultura digitale di nicchia, riescono comunque, attraverso la diffusione di consigli e riflessioni sulla creazione di una casa accogliente e la dedizione alla famiglia, a fornire un volto amichevole al nazionalismo bianco dei movimenti populisti occidentali, che pure hanno un rapporto di visibilità rispetto al TradWife almeno dieci volte maggiore. Tale fenomeno è definito dalla sociologa Sara R. Farris “Femonazionalismo”, ovvero “nazionalismo femminista e femocratico”.

Negli Stati Uniti le Tradwives sono infatti parte della galassia suprematista „alt-right“ e contribuiscono a diffondere un modello di mascolinità tossica e patriarcale che è stato per i quattro anni di presidenza uno dei fondamenti del fenomeno trumpiano.

“The deliberately hyperfeminine aesthetics are constructed precisely to mask the authoritarianism of their ideology.”

(Annie Kelly, The Housewives of White Supremacy, The New York Times, 1 June 2018) 

È un modello basato su di una visione della vita suburbana ancorata al mito anni Cinquanta, oramai decisamente superato dalla realtà dei fatti.

Four years into his presidency, Donald Trump has remembered the ladies. He tweets about them, brings them to debates, addresses them at his rallies. But his appeal has little in common with freedom, or equality, or anything else the women’s movement has strived to achieve. Instead, Trump promises pure subdivisions, even jobs, and not just for women. “Because women, suburban or otherwise, they want security. They want safety. They want law and order,” he said at a Michigan rally on Tuesday. “And you know what else? I’m also getting your husbands — they want to get back to work, right? They want to get back to work. We’re getting your husbands back to work, and everybody wants it.”

(Sarah Jones, Trump’s Base Isn’t Housewives, It’s Tradwives, nymag.com, 28.10.2020)

È l’idea di tradizione che costituisce il ponte tra i due movimenti. Ma di che tradizione stiamo parlando? Non serve scomodare Hobsbawm per capire che non siamo di fronte ad una tradizione realmente esistente quanto piuttosto ad una versione romantizzata e ampiamente a-storica della cultura tipica della retorica nazionalista. Il richiamo delle Tradwifes ad un periodo di idealizzata felicità e benessere, individuato nel 1959, è lo stesso del richiamo dell’uomo bianco ad un mitico passato in cui non c’erano immigrati e persone di colore ed in cui esso non doveva convivere con i timori indotti da flessibilità, precarietà e disoccupazione. Non stupisce dunque che in Europa l’utilizzo di questa storia più folkloristica che reale costituisca la base argomentativa di vari movimenti politici di estrema destra che fanno appello ai valori della famiglia “tradizionale” e si battono contro il gender mainstreaming: Front National, AfD, e Fratelli d’Italia per citarne alcuni. Sono questi partiti, solo per inciso, guidati da tre donne: Marine Lep Pen, Alice Weidel e Giorgia Meloni. Naturalmente tutti e tre disconoscono completamente che quello a cui guardano con nostalgia, sia un passato in cui i diritti, le libertà, l’educazione e l’autodeterminazione, non solo delle donne, erano massicciamente limitati.

Riferimenti e letture:

https://thevision.com/attualita/estrema-destra-femminismo-razzismo/

https://edizionialegre.it/recensioni/come-lestrema-destra-sta-usando-il-femminismo-per-giustificare-il-razzismo-jennifer-guerra-su-the-vision/

https://edizionialegre.it/product/femonazionalismo/

https://nymag.com/intelligencer/2020/10/trumps-base-isnt-housewives-its-tradwives.html

https://www.zeit.de/kultur/2020-02/tradwives-feminismus-1950er-social-media-10nach8


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search