I «Megatrends»: per un’analisi delle tendenze sociali e dei loro effetti

Der Megatrend New Work

Nelle analisi sociali effettuate in Germania emerge frequentemente la categoria di «Megatrend». Questo concetto è stato elaborato dal «Zukunftsinstitut», fondato da Mathias Horx nel 1998. L’ Istituto ha avuto un ruolo centrale nello sviluppo delle analisi dei trends sociali e la «Zukunftsforschung» in Germania. L’Istituto si occupa dell’analisi die principali trend che caratterizzano la società contemporanea e ne trae previsioni per il futuro: «il team di ricercatori e consulenti esplora la questione di quali cambiamenti – quali tendenze e megatrend – stanno plasmando il nostro presente e quali conclusioni si possono trarre da essi per il futuro dell’economia e della società. L’obiettivo principale è quello di rendere il cambiamento comprensibile e di comprendere il futuro come un’opportunità». Esso ha anche un ruolo di consulenza per altri attori (ad esempio aziende) nello sviluppo di strategie e politiche (https://www.zukunftsinstitut.de/ueber-uns/).

Secondo la definizione dello «Zukunftsinstitut», i «Megatrends», «nominano e descrivono dinamiche di cambiamento estremamente complesse e sono un modello per la trasformazione del mondo: un metodo che aiuta a rendere comprensibili e tangibili le dinamiche di cambiamento altamente complesse e diverse della società del XXI secolo.”. Essi sono “quelle tendenze che hanno un carattere importante, epocale (…) Come cluster di tendenze, riuniscono vari movimenti di cambiamento: tecnologico, sociale ed economico.» (https://www.zukunftsinstitut.de/dossier/megatrends/#was-sind-megatrends)

Essi rappresentano un utile strumento non solo di analisi del presente ma anche di previsione delle dinamiche future. In questo assumono ovviamente anche un valore normativo, che può influenzare le azioni e le percezioni degli attori sociali, politici ed economici.

Per individuare un «Megatrend» l’Istituto utilizza quattro criteri: 1) la durata; 2) la diffusione; 3) la globalità; 4) la complessità. L’aspetto decisivo dei «Megatrends» è soprattutto il loro impatto sulla società: «I megatrend non solo cambiano singoli segmenti o aree della vita sociale o dell’economia, ma rimodellano intere società. Come cluster di tendenze, riuniscono vari movimenti di cambiamento: tecnologico, sociale ed economico.». (https://www.zukunftsinstitut.de/dossier/megatrends/#was-sind-megatrends)

Da un punto di vista metodologico questi trends vengono osservati attraverso un’analisi qualitativa di «segnali deboli», cioè segni o indicatori inizialmente poco diffusi o poco rilevanti ma che hanno il potenziale per diventare vere e proprie tendenze. Un fenomeno minoritario diventa una tendenza quando 1) i «fenomeni o le innovazioni sociali, economiche o tecniche si spostano dai margini o dalle nicchie della società verso il centro della società»; 2) oppure quando «i nuovi fenomeni diventano più rilevanti e le piccole avanguardie sviluppano il potenziale per cambiare il mainstream – negli stili di vita o nei modelli familiari, nell’uso dei media, nel comportamento dei consumatori, nel mondo del lavoro, nelle applicazioni tecnologiche o nelle singole industrie». (https://www.zukunftsinstitut.de/dossier/megatrends/#was-sind-megatrends)

I principali Megatrends al centro delle analisi dell’Istituto sono: 1) il «Gender shift», 2) la salute, 3) la globalizzazione, 4) la connettività, 5) l’individualizzazione, 6) la mobilità, 7) il «New Work», 8) la nuova ecologia, 9) la sicurezza e il rischio, 10) l’urbanizzazione, 11) l’invecchiamento demografico, 12) il ruolo del sapere e della conoscenza.

Vediamo qualche esempio di «Megatrends». Sotto la definizione di «New Work» vengono analizzati i principali cambiamenti strutturali, organizzativi ma anche culturali del lavoro. Secondo l’Istituto, «Il «New Work» offre l’opportunità di sviluppare il potenziale e le inclinazioni personali. In futuro, un gran numero di processi faticosi, monotoni e ripetitivi sarà eseguito da macchine. Di conseguenza, le capacità umane primordiali come la creatività e l’empatia verranno nuovamente messe a fuoco. Risolvere i compiti futuri determina ciò che viene fatto e crea un nuovo senso del lavoro». (https://www.zukunftsinstitut.de/dossier/megatrend-new-work/). 

Un aspetto sempre più rilevante è quello della «Salute», soprattutto dopo l’arrivo della pandemia del Covid 19. Rispetto alle trasformazioni della concezione della Salute e del modo in cui occuparsene l’Istituto rileva una crescente tendenza a concepire in modo «olistico» i problemi di salute: «Un sintomo specifico non può essere considerato in isolamento dal resto del corpo, e il corpo non può essere considerato in isolamento dal benessere psicologico dell’individuo, dai modelli comportamentali, dallo stile di vita, dalle abitudini, dal radicamento sociale, dall’ambiente di lavoro e dall’ambiente». Inoltre essi individuano un crescente peso all’«auto-ottimizzazione» della propria salute con un crescente peso del ruolo dell’individuo nel prendersi cura di sé stesso e quindi una crescente importanza della prevenzione e dell’automonitoraggio dei sintomi. (https://www.zukunftsinstitut.de/dossier/megatrend-gesundheit/)

Proprio in occasione della cesura rappresentata dal Covd-19 l’Istituto ha di recente proposto una riflessione su come il Virus abbia non solo influenzato trends già esistenti ma ne abbia anche generato di nuovi.

Un aspetto interessante riguarda l’invecchiamento demografico. È un processo iniziato ormai da molto tempo nella società europea e con il tempo a un ripensamento del concetto di «vecchiaia» con nuove abitudini, mentalità e consumi da parte delle persone anziane. Con il Corona Virus questo è venuto meno: «La crisi di Corona fu un contraccolpo per questa tendenza all’invecchiamento libero: «età» divenne improvvisamente sinonimo di «gruppo a rischio». (https://www.zukunftsinstitut.de/artikel/megatrends-nach-corona-zeit-fuer-eine-revision)

Ad esempio, rispetto al lavoro, l’Istituto riconosce al Virus un ruolo di acceleratore di tendenze già presenti: «La crisi di Corona si sta dimostrando un vero e proprio acceleratore di tendenze, rendendo il nostro mondo del lavoro più agile, flessibile e digitale – un effetto che durerà nel tempo».

I «Megatrends» rappresentano uno strumento utile per l’analisi e la comprensione della società e delle sue trasformazioni. Come mostra il metodo dell’«Historische Trendforschung» esse possono essere usate in maniera fruttuosa anche nella ricerca storica.

Esse però non possono essere utilizzate come fossero “neutrali” ma vanno sempre fatte dialogare con altre categorie della storia sociale come le diseguaglianze sociali, per analizzarle nella loro dimensione complessiva. Inoltre va sempre considerato che esse sono prodotte da un Istituto di ricerca, che ha un ruolo non solo di analisi ma anche normativo e prescrittivo.


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.