Nel terziario avanzato nessuno può sentirti urlare

Vite Rubate. Dal sogno capitalista al futilitarismo

La condizione futilitaria di cui ci parla Vallelly è intrinsecamente legata all’idea di Homo futilitus, che «si manifesta in maniera particolarmente evidente nel mondo del lavoro contemporaneo, soprattutto nelle società occidentali, con l’aumento del lavoro inutile, in cui molti cittadini sono incoraggiati a dedicare quasi tutto il loro tempo a compiti che hanno poca o nessuna utilità sociale».

Durante le prime fasi della pandemia da Covid-19, dove si è iniziato a parlare di «lavoratori essenziali» ed è emerso con chiarezza quanti e quali siano i lavori la cui reale utilità è assai dubbia.

«Molti … non hanno alcuna reale utilità, ma che esistono solo per giustificare le carriere delle persone che li svolgono. Tuttavia, se domani scomparissero, non farebbe alcuna differenza». Di questi, ci ricorda Vallelly,… non fanno parte ad esempio gli addetti alle pulizie, gli insegnanti, gli operatori sanitari, i muratori, gli infermieri, le ostetriche.

Il passaggio dall’Homo oeconomicus all’Homo futilitus implica così la ricerca di una massimizzazione dell’utilità, senza che ci si sia prima domandati se tale ricerca potrà giovare alla società nel suo insieme.


Neil Vallelly, Vite Rubate. Dal sogno capitalista al futilitarismo, Blu Atlantide, Roma 2022

@Bruno Simili 02 APRILE 2022 – Recensione e commento pubblicato su rivistailmulino.it/

Questo primo libro di un giovane economista neozelandese va letto bene, ma aspettatevi una mazzata che incrina le nostre vacue certezze. In alternativa, per fortuna, possiamo sempre continuare a far finta di nulla

Era il 21 gennaio del 2009 quando Barack Obama inaugurava la sua presidenza con quello che sarà ricordato come «il discorso di una nuova era della responsabilità». L’avvio della presidenza di questo giovane americano nero portava con sé, anche in Europa, la speranza che di lì a poco si sarebbe aperta una nuova stagione per i riformisti di tutto il mondo, in grado di cancellare il ricordo e i danni di lungo periodo che la Reaganomics aveva lasciato dietro di sé.

La nuova presidenza arrivava dopo la crisi finanziaria avviata dal fallimento di Lehman Brothers, che aveva incrinato seriamente l’ideologia della responsabilità personale. Si trattava di replicare, intensificandola ulteriormente, la retorica della responsabilità, ed evitare che i dubbi sulla reale efficacia autoregolatrice del mercato potessero diffondersi. Così, a pochi mesi dalla crisi del 2008, il nuovo presidente affermò senza esitazione: «La domanda che abbiamo di fronte a noi non è se il mercato sia una forza positiva o negativa. Il suo potere di generare ricchezza ed espandere la libertà non ha eguali […] Ciò che ci viene richiesto ora è una nuova era di responsabilità – un riconoscimento, da parte di ogni americano, che abbiamo dei doveri verso noi stessi, la nostra nazione, il mondo […]. Dobbiamo rialzarci in piedi, scrollarci la polvere di dosso e metterci al lavoro per rifare l’America».

…continua qui: https://www.rivistailmulino.it/a/vite-rubate


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.