Quando la “classe” è più cattiva del “maestro”. In morte di Toni Negri

Una riflessione a quattro mani con Giorgio Del Vecchio

La scomparsa di Antonio “Toni” Negri il 16 Dicembre scorso ha dimostrato, per l’ennesima volta, come il dibattito pubblico e mediatico italiano non riesca a liberarsi da una lettura molto semplificata degli anni Settanta e delle vicende che hanno caratterizzato quel tornante decisivo della storia italiana e dei protagonisti che hanno animato un decennio, si contraddittorio e problematico, ma anche caratterizzato da una dimensione di partecipazione pubblica e mobilitazione collettiva per la trasformazione della realtà senza precedenti (e con pochi esempi successivi simili).

È quanto balza agli occhi leggendo i titoli dei giornali che hanno commentato la morte del filosofo padovano: l’etichetta ricorrente è quella del “cattivo maestro”, etichetta che si è tramandata con grande successo dagli anni Settanta in avanti. Fortunatamente la ricerca storica sugli anni Settanta in generale ha prodotto invece risultati importanti di segno contrario negli ultimi anni, contribuendo a superare la riduzione alla dimensione giudiziaria di un conflitto politico e sociale che ha attraversato la società italiana per un decennio, influenzando tutti quelli successivi.

Toni Negri, tuttavia, al netto di quello che legittimamente si possa pensare di lui, del suo pensiero e della sua attività, merita un’analisi più approfondita, che renda giustizia al ruolo di un pensatore che ha comunque influenzato movimenti sociali, messo in circolo idee, teorie e analisi, dibattute e discusse in tutto il mondo, e che per questo nel mondo ha raggiunto una ricezione accademica e politica di primo livello.

Va sottolineato come sia dal punto biografico che della sua produzione intellettuale Negri sia stato un intellettuale del Novecento, che ha saputo intervenire in quel frangente storico degli anni Settanta che ha costituito una cesura decisiva, e ha aggiornato il suo armamentario teorico per analizzare sia le trasformazioni avvenute nel capitalismo sempre più globalizzato sia le nuove soggettività emergenti. Rimanendo nel solco della lezione del marxismo Negri, al netto di limiti della sua analisi, non ma ha mai smesso di essere un intellettuale militante e di tenere insieme teoria e prassi. Negri è stato senza dubbio un protagonista, nell’ambito teorico dell’operaismo, del dibattito marxista in Italia[1]. Dalla riflessione sull’operaio sociale[2] fino all’analisi delle moltitudini[3] Negri non ha mai smesso, filtrando negli anni Ottanta il marxismo operaista con la filosofia di Spinoza e dei filosofi francesi come Gilles Deleuze e Félix Guattari e Michel Foucault (in particolare il concetto di biopolitica), di indagare le contraddizioni del modo capitalismo e le soggettività antagoniste che potevano farsi portarci dell’emancipazione dal lavoro e dallo sfruttamento.

Questa breve riflessione non vuole essere un elogio di Negri, la cui opera teorica e politica ha mostrato sicuramente limiti e contraddizioni, tra cui chi scrive considera un eccessivo ottimismo e una eccessiva sottolineatura del ruolo delle soggettività nelle trasformazioni del capitalismo e spesso un linguaggio non sempre accessibile. In particolare, il nodo del rapporto con la violenza merita sicuramente una riflessione più approfondita rispetto a quanto consentano queste poche righe. Più avanti sarà Giorgio del Vecchio a continuare questa riflessione e ad entrare nel dibattito su il 7 aprile e il Teorema Calogero e non voglio quindi riproporre la solita citazione sul cappuccio calato sulla testa. L’interpretazione di Negri come “cattivo maestro”, che con i suoi scritti influenzò e condusse sulla strada della violenza i giovani degli anni Settanta risulta estremamente riduttiva ed infondata. Certo Negri non ha mai rifiutato in toto la violenza (anche se qui sarebbe utile una distinzione metodologica tra violenza e conflitto) pur essendosi sempre distanziato dai gruppi armati come le Brigate Rosse (e va considerato che le stesse Br lo consideravano distante dalle loro posizioni).

Va però sottolineato, e questo è stato dimostrato le più recenti acquisizioni storiografiche, che la violenza come opzione politica era diffusa (anche solo a livello teorico) in molte realtà politiche dell’epoca[4]: si potrebbe quasi dire che facesse parte dello Zeitgeist di quegli anni, ma va anche considerato che la violenza era stata introdotta in prima battuta dall’estremismo di destra e da apparati dello Stato. Ogni volta che i media italiani maneggiano questioni politiche legate agli anni Settanta sembra sempre che la violenza sia apparsa quasi per caso nella società italiana, quasi come per un impazzimento generale. Da questo punto di vista il ruolo delle storiche e degli storici rimane fondamentale per decostruire letture ideologiche pigrizie mentali della classe dirigente italiana. Come sicuramente faranno nei prossimi giorni e mesi colleghe e colleghi di varie discipline, andrebbe invece sottolineato come, il filosofo veneto abbia fatto parte in toto della storia politica ed intellettuale italiana (ma data la sua risonanza intellettuale non solo italiana) e meriti di essere considerato, ed indubbiamente anche criticato, in quanto tale e non ridotto alla figura di “cattivo maestro”.

Di seguito è Giorgio del Vecchio a riprendere ed ampliare questi spunti di riflessione. Attraverso la decostruzione della complessa figura di Toni Negri, altrimenti appiattita sull’etichetta di “cattivo maestro” nell’altrettanto monodimensionale contesto degli Anni Settanta come “anni di piombo”, Del Vecchio mette in evidenza come come la rappresentazione di Toni Negri sia stata utilizzata come capro espiatorio per le responsabilità di un intero segmento della storia italiana.


“Oltre la Semplificazione: Toni Negri e la Complessità degli Anni Settanta in Italia”

[Von Giorgio Del Vecchio 18. DEZEMBER 2023]

Al di là di ciò che Toni Negri “è stato” vi è tuttavia un altro livello del discorso possibile che riguarda la sua figura, vale a dire ciò che Negri “ha rappresentato”. In questo senso Toni Negri è da sempre associato agli anni di piombo, un segmento di storia italiana dalla periodizzazione flessibile, inserito fra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni ottanta, caratterizzato dal diffondersi di fenomeni come la violenza politica, la lotta armata clandestina, il terrorismo. Tutte categorie, si badi bene, che nel dibattito italiano raramente vengono delimitati con chiarezza e che invece hanno una loro storia densa e complessa alle spalle. Categorie contestate che quasi sempre vengono date per scontate. Ed è indicativo che la figura di Toni Negri venga da decenni associata ad un’ulteriore categoria altrettanto sfuggente, a cui ricorrono i coccodrilli di questi ultimi giorni, vale a dire quella di “cattivo maestro”.

Per delimitarne, almeno vagamente, i confini è utile citare Luciano Lama, storico segretario della CGIL. In un dibattito con Sergio Zavoli durante il celeberrimo programma sugli anni Settanta intitolato “La notte della Repubblica”, parlò di maestri che indicavano ai movimenti »la violenza come strumento di liberazione«, cercando di convertirli attraverso »false predicazioni« ad una »cattiva religione«[6]. Ecco, se si assume questa definizione, Toni Negri è il cattivo maestro per eccellenza degli anni Settanta. Lo è nei coccodrilli di questi giorni, ma lo è da almeno 45 anni e cioè dall’inchiesta denominata “7 aprile”. Vale a dire dal processo istruito del magistrato padovano Pietro Calogero che nel 1979 tracciava un preciso teorema e cioè che vi fosse una sostanziale continuità non solo ideologica, ma anche e soprattutto organizzativa fra alcuni gruppi e reti dei movimenti sociali nati dopo il 1968 (Potere Operaio e i network dell’autonomia operaia) e le organizzazioni dedite alla lotta armata clandestina, su tutte le Brigate Rosse. Negri era individuato come uno dei vertici di questo teorema. Poiché nei suoi scritti giustificava il ricorso alla violenza politica nel corso dell’inchiesta fu indicato come il mandante morale del rapimento e dell’omicidio di Aldo Moro, come l’ideologo delle Brigate Rosse e addirittura come colui che avrebbe telefonato ad Eleonora Moro nelle fasi finali del rapimento nell’ultimo tentativo per aprire dei negoziati.

Come è noto tali tesi si sono dimostrate in seguito del tutto infondate. Tuttavia l’immagine di Negri come cattivo maestro degli anni di piombo è rimasta. Da questo punto di vista la rappresentazione di Toni Negri può essere utilizzata quasi in chiave allegorica, come una figura che in sé incarna certe modalità in cui gli anni di piombo vengano fino ad oggi rappresentati e utilizzati nel dibattito pubblico italiano.

Una prima osservazione riguarda la rappresentazione degli anni Settanta come anni di piombo. Così come la figura intellettuale di Negri viene appiattita sulla categoria del “cattivo maestro” e del predicatore di violenza, gli anni Settanta, un periodo complesso e cruciale della storia d’Italia, vengono interpretati attraverso la chiave di lettura privilegiata, spesso unica, dei fenomeni della violenza. Sia ben chiaro, la violenza politicamente motivata, di sinistra e di destra, ebbe in quegli anni un radicamento, una legittimazione e un’accettazione straordinari in alcuni settori della società italiana, che certamente distingue per molti versi quel decennio dai decenni precedenti e da quelli successivi. Così come è indubbio che Toni Negri abbia in quegli anni ripetutamente, come del resto lui stesso non ha mai negato, giustificato pubblicamente il ricorso alla violenza politica.

L’appiattimento degli anni Settanta sull’immagine degli anni di piombo, tuttavia è del tutto riduttiva. Come ormai è assodato anche nella storiografia[7], quegli anni furono molto di più. Furono anni in cui nella società italiana si verificarono spinte inedite verso la democratizzazione di tutti gli ambiti dell’esistenza individuale e collettiva, che produssero dei risultati storici, dallo Statuto dei Lavoratori al divorzio, dall’aborto al Sistema Sanitario Nazionale. Al contempo furono anni di crisi del sistema politico, di sperimentazione di nuovi equilibri, ma anche di crisi economica, di ristrutturazione del sistema produttivo, di cambiamenti epocali del mercato del lavoro e dei rapporti sociali, di trasformazioni culturali e della società dei consumi. Anni che si delineano, non sono in Italia, come una »preistoria del presente«[8], utile a capire la »genealogia del paese attuale«[9]. Questo fil-rouge che collega gli anni Settanta ad oggi sembra oltretutto incarnato al massimo grado, da Toni Negri e il suo itinerario politico e intellettuale capace di attraversare e influenzare esperienze diverse e di rinnovarsi nell’arco di almeno cinque decenni. Ciò ovviamente al netto del bilancio che di tale itinerario si può tracciare.

Paradossalmente l’immagine degli anni di piombo è del tutto controproducente per comprendere proprio quei fenomeni della violenza che essa assolutizza a chiave di lettura unica o quantomeno privilegiata. La violenza infatti tende, per sua natura, a generare immaginari di tipo etico e morale, a valutare fatti, eventi, personaggi attraverso categorie contrapposte come giusto/sbagliato, amico/nemico, buono/cattivo (maestro). Categorie che non appartengono alla comprensione storica poiché tendono a decontestualizzare gli avvenimenti, a leggerli in una dimensione astorica. Categorie che generano anche retoriche e immagini del nemico, utili a costruire e rafforzare, in opposizioni ad esse, identità collettive. Non a caso gli anni di piombo vengono anche agitati come spauracchio, come un nemico sconfitto sempre sul procinto di ritornare, in occasione di scontri di piazza o episodi di violenza politicamente motivata.

Storicizzare gli anni di piombo (limitandoci qui ai milieu politico-sociali della sinistra) significa invece analizzare le pratiche e discorsi della violenza alla luce del loro contesto, domestico e internazionale. Alla luce della guerra fredda e dei suoi riflessi in Italia, della tradizione dell’antifascismo e della Resistenza, della ricezioni dei movimenti rivoluzionari e di decolonizzazione al di fuori dell’Occidente e contro di esso, della critica al socialismo reale, della reazione delle istituzioni e degli apparati statali. Così come, se si contestualizzano i discorsi sulla violenza di Negri, si scopre che essi si calavano in un contesto, quello dei movimenti sociali del dopo-1968, in cui la questione della violenza rivoluzionaria e della sua organizzazione, dallo scontro di piazza alla lotta armata clandestina, era all’ordine del giorno. E che fra discorsi della violenza e la sua pratica concreta vi era tutt’altro che un rapporto meccanico di causa-effetto (come il teorema Calogero suggeriva), ma piuttosto un intreccio di percorsi ben più complesso e poco lineare.

C’è un altro piano del discorso però che coinvolge la figura di Negri, che si collega ad un certo uso pubblico degli anni Settanta. Difatti, nella sua veste di cattivo maestro, Negri è assurto spesso a una sorta di capro espiatorio, sul quale si sono proiettate le responsabilità, per non dire le colpe, di una intero segmento della storia italiana, dipinto come tragico, drammatico, oscuro. In un certo senso è una rappresentazione che richiama proprio il teorema Calogero: un tentativo, tracciando collegamenti fra fenomeni diversi e distinti, di individuare responsabilità precise, ben circoscrivibili, nominabili. Di cercare “i mandanti” degli anni di piombo. Si tratta a ben vedere di una tendenza piuttosto diffusa che non ha coinvolto solo la figura di Negri e la violenza di sinistra, ma anche il terrorismo di destra. Si pensi, ad esempio, alla figura di Licio Gelli, continuamente accostato al ruolo di Grande Vecchio, vertice di una piramide di potere occulto, a sua volta punto di contatto fra stragismo e poteri paralleli, ancora più oscuri e inafferrabili. Nello stesso filone, sebbene ovviamente di diverso tenore, è collocabile il fiorire di vere e proprie teorie alternative o cospirazioniste sugli anni di piombo e in particolare sul caso Moro, alla ricerca di verità non dette, di livelli di spiegazione ulteriori.

Questo tipo di dinamiche si ricollegano certamente ad un’analisi di quel decennio che tradizionalmente si è affidata al giornalismo, alla memorialistica e all’inchiesta giudiziaria più che alla storiografia, che a sua volta, per molto tempo, è stata fin troppo timida. Ed è stata a sua volta sostanziata dal protagonismo di alcuni degli di quella stagione (da magistrati a giornalisti, da ex combattenti clandestini a ex attivisti dei movimenti), che hanno contribuito a narrare quegli anni, producendo interferenze fra storia e memoria talvolta confuse.

Tuttavia la “ricerca dei mandanti” incarna un’altra dimensione dell’immagine e dell’uso pubblici degli anni Settanta fino a ora poco investigata dalla storiografia, vale a dire l’immagine degli anni di piombo come trauma culturale. Secondo Jeffrey Alexander un trauma culturale si verifica quando »i membri di una collettività sentono di essere stati sottoposti a un evento terribile che lascia segni indelebili nella loro coscienza di gruppo, segnando i loro ricordi per sempre e cambiando la loro identità futura in modo fondamentale e irrevocabile«[10]. Il dibattito sull’attribuzione della responsabilità è uno dei processi più importanti nella narrazione di un trauma culturale, molto spesso facendo ricorso a teorie alternative e della cospirazione, cercando capri espiatori. Questo tipo di processi si sono ripetuti molte volte nell’arco dell’ultimo secolo, dall’assassinio di John Fitzgerald Kennedy al 9/11, fino ad arrivare, più di recente, all’epidemia di COVID-19. Spesso, non a caso, si tratta flashbulb memories, momenti cioè dal grande impatto mediatico, per i quali spesso lo spettatore si ricorda (o pensa di ricordare) non solo dove fosse quando è venuto a sapere dell’evento, ma anche con chi fosse, cosa stesse facendo, come si sia sentito. Come, per ritornare agli anni di piombo, il rapimento e l’omicidio di Aldo Moro, la strage di Piazza Fontana o quella di Bologna.

In fondo la ricerca di verità alternative e di capri espiatori risponde all’esigenza di semplificare le cause di tali eventi traumatici. Non perché le teorie alternative siano più verosimili o dirette, anzi, presuppongono spesso salti logici, tesi non provate. Piuttosto esse riconducono quel trauma ad un preciso disegno, ad una intenzionalità, ad una razionalità individuabile per quanto nascosta e dunque “sensata”. Mentre si tratta quasi sempre di eventi che sfuggono a spiegazioni monocausali, ma che invece hanno origini complesse, legati a molte concause. Eventi prodotti da processi di lungo periodo, da molte intenzionalità e razionalità distinte di innumerevoli individui e attori collettivi diversi, i quali vi contribuiscono, spesso in modo indiretto o addirittura inconsapevole, quasi sempre contraddittorio, quasi mai “sensato”.

Certo la stessa categoria di trauma culturale o trauma collettivo sono sfuggenti a loro volta. A cominciare dalla questione in che modo tali traumi siano davvero collettivi e per quali individui, gruppi e attori sociali tali eventi siano davvero stati traumatici. Mi sembra, tuttavia, che gli anni di piombo vengano spesso rappresentati come trauma culturale (o forse come una serie di traumi?), perlomeno nella misura in cui la loro rappresentazione pubblica si intreccia spesso con una loro destoricizzazione, con la ricerca di capri espiatori e “cattivi maestri” invece delle influenze politico-culturali, dei mandanti invece che delle cause, delle colpe invece che dei contesti.


[1] Cristina Corradi, Panzieri, Tronti, Negri: le diverse eredità dell’operaismo italiano, in: Pier Paolo Poggio (a cura di), Il sistema e i movimenti. (Europa: 1945 – 1989), Jaca Book, Milano 2011, p. 223–247.

[2] Antonio Negri , Dall’operaio massa all’operaio sociale. Intervista sull’operaismo, Multhipla Edizioni, Milano 1979.

[3] Michael Hardt u. Antonio Negri, Impero. Il nuovo ordine della globalizzazione, Rizzoli, Milano 2002; Michael Hardt u. Antonio Negri, Moltitudine. Guerra e democrazia nel nuovo ordine imperiale, Rizzoli, Milano, 2004;.

[4] Simone Neri Serneri (Hg.), Verso la lotta armata. La politica della violenza nella sinistra radicale degli anni Settanta, Il Mulino, Bologna 2012.

[5] Due  interessanti riflessioni apparse in questi giorni sono quelle di Sergio Bianchi e Massimo Cacciari: Sergio Bianchi, Toni Negri, un pregiudizio lungo quarant’anni, consultabile in: https://www.machina-deriveapprodi.com/post/toni-negri-un-pregiudizio-lungo-quarant-anni?fbclid=IwAR1vwobZaydjdeMQ-S6Al6H8O6PrWMABTY_YXFrXEKsLfsArTP2GRW1YJK4&mibextid=xfxF2i. e Massimo Cacciari, Il pensiero rivoluzionario non può finire. Ecco a cosa ha creduto per tutta la vita, in La stampa, 17/12/2023.

[6]     Cit. in Roberto Colozza, L’affaire 7 aprile: un caso giudiziario tra anni di piombo e terrorismo globale (Torino: Giulio Einaudi editore, 2023).

[7]     Alessio Gagliardi, «Stagione dei movimenti e anni di piombo? : storia e storiografia dell’Italia degli anni settanta», Storica: rivista quadrimestrale XXIII, fasc. 67/68 (2017): 83–129, https://doi.org/10.23744/1705 .

[8]     Thomas Großbölting, Massimiliano Livi, e Carlo Spagnolo, a c. di, Jenseits Der Moderne? Die Siebziger Jahre als Gegenstand der Deutschen und der Italienischen Geschichtswissenschaft (Berlin: Duncker & Humblot Gmbh, 2014); Anselm Doering-Manteuffel, Lutz Raphael, e Thomas Schlemmer, Vorgeschichte der Gegenwart (Göttingen: Vandenhoeck & Ruprecht, 2016).

[9]     Luca Baldissara, «I lunghi anni Settanta. Genealogie dell’Italia attuale», in Parole e violenza politica. Gli anni Settanta nel Novecento italiano, a c. di Giuseppe Battelli e Anna Maria Vinci (Rom: Carocci, 2013), 31–47.

[10]     Jeffrey C. Alexander, «Toward a Theory of Cultural Trauma», in Cultural Trauma and Collective Identity, a c. di Jeffrey C. Alexander (Berkeley; Los Angeles; London: University of California Press, 2004), 1.


OpenEdition schlägt Ihnen vor, diesen Beitrag wie folgt zu zitieren:
Jacopo Ciammariconi (18. Dezember 2023). Quando la “classe” è più cattiva del “maestro”. In morte di Toni Negri. TrIBES. Abgerufen am 16. Juli 2024 von https://doi.org/10.58079/verv


Das könnte dich auch interessieren …

Eine Antwort

  1. Christian Jansen sagt:

    Molto bene!! Grazie
    Ho anche trovato molto bene il Nachruf della taz: https://taz.de/Nachruf-auf-Toni-Negri/!5980569/
    Cari saluti
    Christian Jansen

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search