Fa paura l’estrema destra in Italia e in Germania. Intervista di WDR Cosmo a Massimiliano Livi

Nell’intervista con il redattore di Cosmo Italiano per la WDR Radio, Massimiliano Livi riflette sull’estremismo di destra in Italia e Germania.

Il fenomeno dell’estremismo di destra, riportato alla ribalta dagli eventi di Roma ad Acca Larentia, costituisce un elemento costante nei contesti politici di Italia e Germania, suscitando

L’audio dell’intervista a Massimiliano Livi su WDR Cosmo Radio

In Italia, l’estrema destra emerge come un elemento intrinseco alla cultura politica, sfidando la narrazione democratica costruita dopo la Seconda Guerra Mondiale. Nonostante la resistenza al fascismo e la transizione verso una democrazia occidentale, persistono manifestazioni neofasciste che vanno da gruppi marginali a movimenti più ampi. La diversità di questo fenomeno complica la definizione e l’analisi di un ambito politico eterogeneo, talvolta contraddittorio, che sfida gli studi storici e politologici.

Mentre il sistema politico italiano ha sostenuto la democrazia per oltre cinquant’anni, non tutti al suo interno sono però riusciti a distanziarsi dalle ideologie fasciste. Conflitti ideologici irrisolti e una sorta di nostalgia per il passato hanno creato un terreno fertile per la persistenza dell’estrema destra, con una connessione radicata nella società a idee nazionalistiche e autoritarie.

Un elemento chiave per comprendere la presenza duratura dell’estrema destra in Italia è infatti il profondo radicamento di una mentalità conservatrice e tradizionalista, indipendentemente dall’era fascista. Questa mentalità offre un terreno fertile per ideologie di destra e posizioni nazionalistiche.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale le associazioni dei reduci di guerra e ad altre di destra radicale tipo “Ordine Nuovo” e “Avanguardia Nazionale”, hanno contribuito a tramandare le memorie di una generazione che considerava il fascismo come un’ultima difesa contro la minaccia della democrazia e del socialismo sovietico.

Il Contesto Tedesco e la Persistenza della Minaccia Neonazista:

In Germania, la scena neonazista è caratterizzata dal Partito Nazionaldemocratico Tedesco (NPD) e dall’Alternative für Deutschland (AfD). Fondata nel 1964, la NPD è uno dei partiti neonazisti più antichi in Germania. Sebbene abbia avuto successi elettorali limitati, è stata coinvolta in controversie legali a causa delle sue posizioni estremiste. Allo stesso tempo, l’AfD, fondata nel 2013 come partito anti-euro, ha attirato membri con posizioni nazionaliste e anti-immigrazione, guadagnando notorietà elettorale.

Entrambi i partiti sono sotto osservazione dell’ufficio federale per la tutela della costituzione, indicando il riconoscimento delle loro attività estremiste. La dimensione transnazionale è evidente nei contatti tra neonazisti italiani e tedeschi durante il raduno di Roma, con segnalazioni di elementi dell’ultradestra russa presenti. Questo scenario suggerisce una rete transnazionale che facilita lo scambio di ideologie e strategie, aumentando la pericolosità di azioni violente o attentati a livello internazionale. L’inclusione di elementi dell’ultradestra russa aggiunge ulteriore complessità, suggerendo un allargamento delle alleanze ideologiche e un potenziale pericolo legato a reti transnazionali.

Infiltrazioni nei Partiti Politici: Una Sfida Comune:

La questione delle infiltrazioni dei movimenti neonazisti nei partiti politici costituisce una sfida in entrambi i contesti. In Germania, l’AfD è stata al centro del dibattito per presunte connessioni con gruppi estremisti, mentre in Italia, partiti come Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia hanno sollevato preoccupazioni, più o meno credibili, riguardo alla presenza di elementi neonazisti o neofascisti tra i loro sostenitori.

La diversità nelle definizioni e percezioni di destra, estrema destra e destra radicale contribuisce alla complessità dell’analisi. In entrambi i paesi, la terminologia utilizzata per definire fenomeni legati all’estremismo di destra varia, creando una sfida nella distinzione tra diverse sfumature del movimento.


Le definizioni ufficiali, come quella utilizzata dal Verfassungsschutz tedesco, mettono in luce le caratteristiche dell’estremismo di destra, tra cui nazionalismo, razzismo, antisemitismo e una concezione autoritaria dello Stato.

Tuttavia, la terminologia e la categorizzazione possono variare, come evidenziato dalla discussione sulla distinzione tra “rechtsradikal” e “rechtsextrem”. Inoltre, la presenza di varie definizioni, come quelle basate su sondaggi di opinione, contribuisce a creare un panorama complesso e sfaccettato.

L’analisi sottolinea anche l’importanza di considerare le prospettive politico-ideologiche del fenomeno. La distinzione tra atteggiamenti e orientamenti, insieme alle azioni ispirate da una visione razzista o etnicamente determinata, evidenzia la complessità del problema.

In Italia, la mancanza di una definizione consolidata di estrema destra ha radici storiche, con la politologia e la politica stesse che, fino agli anni ’90, tendevano a unire senza distinzioni estremismo di destra, radicalismo di destra e terrorismo di destra in una singola totalità neofascista.

Questo fenomeno è stato in parte alimentato dal ruolo predominante del Movimento Sociale Italiano (MSI) per quasi cinque decenni, considerato sovrapponibile a questa totalità. La sua posizione come maggior partito neofascista in Europa, con una presenza stabile nel parlamento, ha contribuito a consolidare questa percezione. La formazione del MSI come resistenza inclusiva alla giovane democrazia repubblicana, vista anche come una forma di anticomunismo, ha ulteriormente influenzato la fusione di queste categorie.

Sarebbe utile, quindi, all’interno della destra italiana (preferibilmente al plurale, considerando che essa include Repubblicani, Liberali, Monarchici e precedentemente anche Qualunquisti), distinguere tra un concetto di destra estrema come termine generico (neofascista, radicale, terroristica, sovversiva, ecc.) e un concetto di Estrema Destra come categoria situativa nel contesto dell’asse politico-ideologico del sistema politico italiano (includendo, tra gli altri, MSI, AN, FdI, Casa Pound, ecc.).

Alcune organizzazioni, come la Nuova Destra negli anni ’70, Alleanza Nazionale (AN) negli anni 2000 e attualmente Fratelli d’Italia (FdI), hanno adottato spesso strategie per minimizzare il richiamo aperto al fascismo, cercando di evitare la stigmatizzazione pubblica.

Nella Lega di Matteo Salvini, dal 2013 ad oggi, emerge una mancanza di un collegamento diretto con il fascismo o il neofascismo. Questa assenza di riferimenti storici specifici indica la complessità della definizione di estrema destra e la sua variabilità nelle diverse realtà politiche.

Infine, la menzione del ruolo della religione, in particolare il fondamentalismo cattolico, come elemento distintivo nei movimenti neonazisti e di destra estrema, aggiunge un aspetto unico al panorama italiano. La connessione con Forza Nuova e l’emergere di temi magici ed esoterici indicano la varietà e la complessità delle ideologie presenti in questi ambienti.

Inoltre, è difficile per l’Italia parlare di infiltrazioni, considerando che durante l’intera storia repubblicana italiana coesistevano parallelamente una destra parlamentare e una destra extraparlamentare (radicale). Fino all’inizio della Seconda Repubblica, la prima, in gran parte rappresentata dal MSI, si posizionava in modo antisistemico, anche se ufficialmente respingeva metodi politici illegali.

In un contesto in cui i comunisti, come estrema sinistra, accettavano la Costituzione e il sistema politico, mentre i neofascisti li rifiutavano, la categoria “antisistemica” non poteva sempre essere applicata chiaramente. Questa categoria descrive partiti che rifiutano la legittimità del sistema in cui operano, abbracciando un’ideologia esterna.

All’interno del MSI, le posizioni si mescolavano parzialmente nel corso della sua storia, diventando più orientate verso l’antipolitica.

D’altra parte, la destra estrema radicale accetta la violenza e i mezzi illegali come strumenti legittimi nella lotta politica (come “Ordine Nuovo”, “Avanguardia Nazionale”, “Nuclei Armati Rivoluzionari”, ecc.). Il loro rifiuto del sistema politico democratico si estendeva al punto da minacciare le fondamenta della democrazia e della libertà attraverso atti terroristici e azioni sovversive.

Questa differenziazione sfuma inoltre anche quando si considera la destra estrema italiana della prima Repubblica dal punto di vista della sua influenza internazionale e del suo ruolo da modello e rete per altri movimenti e organizzazioni in Europa e in America. A causa delle numerose continuità tra estremisti e radicali di destra sia all’estero che in Italia, sviluppatesi soprattutto nel contesto delle strutture militari atlantiche della Guerra Fredda, la destra italiana influenzò movimenti e rappresentanti di regimi autoritari in paesi come Spagna, Portogallo e l’Argentina peronista. Le frontiere tra contatti legali e illegali erano molto sfumate. A livello nazionale, questi contatti costituivano il nucleo personale e in parte strutturale della Strategia della Tensione a partire dai tardi anni ’60.

In conclusione, l’estremismo di destra persiste in Italia e Germania, alimentato da radici storiche profonde, continuità dopo la Seconda Guerra Mondiale e complessità nella definizione e percezione del fenomeno. La risposta alle infiltrazioni nei partiti politici e la sfida nel monitorare efficacemente tali movimenti richiedono una comprensione approfondita delle dinamiche transnazionali e una cooperazione internazionale tra agenzie di sicurezza.

La necessità di affrontare questi fenomeni richiede un approccio olistico che coinvolga sia misure di sicurezza che iniziative per contrastare le radici ideologiche dell’estremismo. La cooperazione tra Italia e Germania, insieme ad altri paesi, diventa cruciale per affrontare questa crescente minaccia e garantire la sicurezza e la convivenza democratica nelle società europee.

Per approfondire, su questo Blog:
https://tribes.hypotheses.org/category/destra-rechte



Diesen Blogbeitrag zitieren
Redaktion / Redazione (2024, 16. Januar). Fa paura l’estrema destra in Italia e in Germania. Intervista di WDR Cosmo a Massimiliano Livi. TrIBES. Abgerufen am 24. April 2024, von https://doi.org/10.58079/vll8

Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search