Operaismo e Post-operaismo

http://contropiano.org/img/2014/01/3049ef00f26adced363986bf2d1cb3ea.jpgCon questo contributo ci si propone di offrire una sintetica ricostruzione della storia  del pensiero operaista, della sua genesi, dei suoi protagonisti e delle sue correnti interne, nonché della presunta evoluzione nella corrente del Post-Operaismo. Questa ricostruzione non ha nessuna pretesa di esaustività e completezza; mira semplicemente a fornire uno sguardo su una teoria politica e sociale che ha avuto una grande importanza nella storia italiana degli anni Sessanta e Settanta e continua ad essere un punto di riferimento teorico per molte analisi sul mondo del Lavoro e molti movimenti sociali, dai No-Global ai movimenti dei precarie di lavoratori cognitivi.

 Cenni di storia dell’operaismo italiano

L’operaismo è stata senza dubbio una delle più importanti e significative culture ed esperienze politiche della storia italiana. L’operaismo come linea politica non fu una novità in quanto tale, avendo caratterizzato alcune esperienze politiche del movimento operaio di inizio secolo. L’operaismo come corrente del marxismo europeo ed elaborazione teorica (sempre con finalità politiche) nasce in Italia agli inizi degli anni Sessanta. Il contesto è quello dell’Italia del boom economico e della diffusione nelle fabbriche dell’organizzazione tayloristica del lavoro, che produsse enormi fermenti e trasformazioni nella società. Come conseguenza delle nuove forma di organizzazione del lavoro, assunse una crescente centralità sociale la figura dell’operaio comune, o, secondo la definizione degli operaisti, dell’operaio massa. Esiste un nesso molto forte tra l’affermazione del fordismo in Italia e la nascita del pensiero operaista. Come scrive Sergio Bologna,

L’idea primordiale dell’operaismo era il calco, l’impronta rovesciata del fordismo […] L’operaismo quindi è stato in tutto e per tutto l’immagine rovesciata del fordismo, era tutt’uno con il fordismo […] non sembrava possibile un operaismo senza una società fordista[1].

In realtà l’operaismo non fu una corrente omogena, ma fu caratterizzato da «una coalescenza di esperienze soggettive animate da un desiderio collettivo: partecipare teoreticamente e praticamente al conflitto sociale in atto in Italia»[2]. Cristina Corradi individua in particolare tre differenti paradigmi nell’operaismo italiano, che ne costituiscono anche differenti fasi del suo sviluppo[3]. Il primo paradigma è quello del neomarixismo di Raniero Panzieri. La nascita della rivista «Quaderni rossi» da lui animata nel 1961 sancì la nascita dell’operaismo italiano. La rivista operò un recupero di alcuni testi marxisti trascurati dal pensiero marxista dominante come la quarta sezione del I Libro del Capitale, il Frammento sulle macchine dei Grundrisse, il Capitolo VI inedito, intendendo il marxismo come «sociologia politica della classe operaia»[4]. Altra figura chiave di questa prima fase dell’operaismo italiano fu Romano Alquati, dalle cui inchieste sulla forza lavoro alla Fiat e all’Olivetti furono elaborate alcuni concetti fondamentali come quello di «composizione di classe» e di «operaio massa»[5]. I principali nodi attorno cui si sviluppò la riflessione operaista dei «Quaderni rossi» furono: l’impossibilità di teorizzare limiti intrinseci allo sviluppo delle forze produttive capitalistiche , il cui unico limite sarebbe l’azione operaia che si realizza come rottura e non come progresso; l’estensione della pianificazione dalla sfera della produzione a quella della realizzazione del plus valore attraverso il passaggio al capitalismo monopolistico; critica della concezione neutrale dello sviluppo delle forzo produttive; critica dell’atomizzazione dei lavoratori realizzata dal capitalismo e lettura politica delle lotte operaie all’iniziategli anni Sessanta, che avrebbero espresso una forma di potere antagonista e il rifiuto delle divisioni professionali e salariali all’interno della classe operaia.

Nel 1962, a seguito delle lotte operaie per il rinnovo contrattuale dei metalmeccanici, culminate nella rivolta di Piazza Statuto, iniziarono e mergere divergenze teoriche e politiche nella compagine dei Quaderni, che generarono la prima scissione all’interno del corpo dell’operaismo. Dalla scissione nacque la rivista «Classe operaia» diretta da Mario Tronti figura chiave della seconda fase dell’operaismo. La spaccatura si consumò soprattutto in merito alla necessità o meno di intervenire nelle lotte operaie, con Tronti favorevole a concepire l’attività teorica in funzione della lotta, mentre Panzieri riteneva necessario mantenere la rivista solo su un piano teorico. Il testo fondativo del secondo operaismo fu Operai e Capitale di Tronti, che realizzò una vera e propria “rivoluzione copernicana”. Tronti infatti rivalutò il ruolo attivo della classe operaia come motore negativo del capitale. In questa concezione lo sviluppo delle forze produttive era visto come reazione e conseguente alle lotte operaie, invertendo il rapporto tra capitale e classe operaia così come era sempre stato concepito dalla tradizione marxista.

Sul finire del decennio si realizzò un’ulteriore divisione nella compagine operaista, tra un operiamo “di destra” e un operaismo “di sinistra”. Gli operaisti “di destra” come Tronti, Cacciari e Asor Rosa iniziarono ad elaborare la teoria dell’autonomia del politico, considerando necessario consolidare politicamente le conquiste ottenute dia lavoratori, entrando nel PCI e spostando il terreno del conflitto sul piano delle istituzioni. L’operaismo di sinistra invece teorizzò l’autonomia del sociale. Toni Negri, già tra i fondatori di Potere Operaio, fu il principale teorico dell’operaismo di sinistra negli anni Settanta. Sua è la celebre formulazione della teoria del passaggio dall’operaio massa all’operaio sociale. Alla base della formulazione nigeriana c’era una concezione della storia della classe operaia «come una successione di figure egemoni», che si susseguono dopo ogni ristrutturazione produttiva indotta dalle lotte operaie: dall’operaio professionale all’operaio massa, fino all’operaio sociale. Negri ritenne che il ciclo di lotte operaie degli anni Sessanta aveva sancito l’incompatibilità del soggetto operaio massa con le istanze dell’organizzazione produttiva fordista. Questo aveva comportato il passaggio dallo Stato-piano keynesiano allo Stato-crisi e un processo di ristrutturazione produttiva, che aveva disgregato la figura dell’operaio massa attraverso il decentramento produttivo. Si realizzò, secondo Negri, un’estensione della cooperazione produttiva a tutta la società, facendo emergere la fabbrica diffusa e l’operaio sociale[6].

il capitale è costretto a diffondere il processo di valorizzazione alla società […] Con l’estensione della relazione salariale a tuta la società, produzione in generale non coincide più […] con il processo di produzione immediato e viene meno la contrapposizione tra la fabbrica e la società: la società non è più il luogo della passività e della disgregazione ma diventa terreno privilegiato del conflitto[7]

Quella dell’operaio sociale è una figura che esprime la sua soggettività antagonistica al di fuori della fabbrica; al suo interno rientravano tutti quei soggetti sociali (studenti, donne, proletariato urbano, emarginati, lavoratori precari dei servizi) che non potevano essere ricondotti al profilo dell’operaio massa ma che tuttavia vivevano sulla propria pelle le contraddizioni e i disagi della ristrutturazione post-fordista del capitalismo. Negli stessi anni gli operaisti si impegnarono ad analizzare i processi di ristrutturazione e di decentramento produttivo in termini di reazione del capitale alle vittorie operaie dell’Autunno caldo. Sono in particolare riviste come «Primo Maggio» e gruppi di ricerca all’università, come quello della Facoltà di Architettura a Milano, coordinato da Alberto Magnaghi. Sono anche gli anni in cui esplose il Movimento del ’77, portatore di nuove istanze sociali e soggettività, che, secondo, Sergio Bologna, configurarono una sorta di «postfordismo dal basso», un tentativo di realizzare uno sbocco libertario del postfordismo, destinato tuttavia al fallimento, con la conseguente univocità delle trasformazioni in atto nel corpo del capitalismo, che furono caratterizzate dalla rivincita del capitale sul lavoro[8].

Alla fine degli anni Ottanta si esaurisce la storia dell’operaismo come filone teorico nato all’inizio degli anni Sessanta. Molti dei protagonisti di quelle vicende però si sforzarono di continuare ad interrogare le trasformazioni del capitalismo post-fordista con l’approccio metodologico maturato dall’esperienza operaista. Iniziò così quello che Bologna definisce il post-operaismo, inteso come ripresa dei paradigmi teorici da parte di una nuova generazione, che contribuirono ad aggiornare le analisi sul mondo del lavoro, nell’elaborare una critica al post fordismo e ad organizzare il precariato e il lavoro cognitivo negli anni Novanta. Alcuni di questi giovani come Davi Sacchetto, Emiliana Armano, Andrea Fumagalli, insieme ad altri operaisti contribuirono a creare la rivista «Altreragioni» nel 1991, importante punto di riferimento per le riflessioni teoriche sul post fordismo. Significativa fu anche la nascita della «Libera Università di Milano e del suo Hinterland», che si concentrò sulla «definizione dei soggetti sociali del post fordismo» e che contribuì alla nascita del volume curato da Sergio Bologna Il lavoro autonomo di seconda generazione. Scenari del post fordismo in Italia, che generò molte discussioni. Altri si impegnarono invece nel settore dell’informatica e della cultura digitale, contribuendo alla nascita del movimento cyberpunk e del movimento hacker. A questo proposito un ruolo centrale fu giocato dalla rivista «Decoder» e dalla casa editrice Shake. Un importante luogo di raccordo tra l’operaismo e le nuove generazioni fu la Liberia Calusca di Milano diretta da Primo Moroni:

Negli anni 80 e 90 tutta la controcultura giovanile delle nuove generazioni che entravano nell’era digitale faceva riferimento alla Calusca […] La sua Libreria dunque metteva insieme i superstiti della cultura operaista, i giovani dei centri sociali e dei movimenti cyberpunk, i reduci della lotta armata ma anche moltissime persone di autentici sentimenti democratici, docenti universitari, professionisti, insegnato. La Calusca era una specie di “zona franca” […] Senza Primo Moroni l’operaismo non avrebbe raggiunto le nuove generazioni[9].

Negli anni Novanta Negri riaggiornò la teoria dell’operaio sociale attraverso il confronto con Deleuze e Spinoza, elaborando la categoria di «moltitudine». Come scrive la Corradi

Il lavoro vivo non ha i tratti del popolo, dell’unità coesa, bensì i tratti della moltitudine, che rifugge l’unità politica, non stringe patti, non trasferisce diritti, recalcitra all’obbedienza, non converge in unità sintetica […] ma condivide il general intellect. La moltitudine è pensata come comunità non sostanziale e non rappresentabile di coloro che non si sentono a casa propria[10].

Nell’analisi negriana, rimanendo nel solco del apporto tra operai e capitale così come posto da Tronti, in seguito alle lotte della moltitudine il capitale si sarebbe riorganizzato a livello globale in una nuova forma di sovranità, l’Impero[11]. Il volume Impero di Toni Negri  e Michael Hardt segnò una ripresa di attenzione nei confronti dell’operaismo e accese un intenso dibattito internazionale[12]. L’idea di Negri e Hardt, riprendendo il concetto di Biopolitica di Foucault, è che nell’Impero «si assiste […] ad un processo di sussunzione reale del bios (la vita, trasformata ora interamente in lavoro) della moltitudine al capitale.»[13]. Negri e Hardt la nuova composizione di classe, espressa dalla moltitudine, sarebbe legata alla diffusione del lavoro immateriale come nuova forma egemonica di lavoro e di riproduzione sociale. Infatti la caratteristica del lavoro immateriale sarebbe quella non solo di estrarre il valore dal lavoro ma di produrre nuove forme di soggettività:

This new sphere where social production and reproduction coincide- biopoltiical production- is that of the common. Biopolitical production has the common as both its ground- the geenral human capacities to affect and to be affected, to comunicate, to coperate, to reproduce and innovate; ans socila relations themseleves, symbolic and afective codes etc.- and its result: it produces new being, i.e., new subjektives, new enunciations, new form of social life[14].

Il lavoro immateriale si caratterizzerebbe per la sua organizzazione in network come nuova forma di organizzazione del lavoro. Inoltre diversamente dalla fabbrica fordista la cooperazione e la comunicazione non sono più imposte dal capitalista che fornisce i macchinari e pianifica l’organizzazione ma sono immanenti all’attività lavorativa stessa[15]. Per i due autori, però, gli aspetti negativi del lavoro immateriale contengono in sé il loro rovescio positivo: da un lato la flessibilità e la mobilità vengono considerati un elemento di accresciuta indipendenza, dall’altro si individua proprio nel modello organizzativo del network il nuovo modello organizzativo con cui la moltitudine può esprimere il suo antagonismo al capitale[16].

 L’idea di lavoro nel postoperaismo

 Dagli anni Ottanta molti operaisti iniziarono a studiare e riflettere sulle trasformazioni avvenute e in atto nel capitalismo: di fronte alle ristrutturazioni, nuove forme di organizzazione del lavoro, delocalizzazione, innovazioni tecnologiche e alle nuove figure professionali emergenti gli operaisti (o post operaisti) aggiornarono il proprio armamentario concettuale. Come si è visto, già Negri nella seconda metà degli anni Settanta aveva intrapreso una nuova strada con la categoria dell’operaio sociale, la quale negli anni Novanta sarà poi rielaborata, portando Negri a teorizzare la moltitudine come nuovo soggetto antagonista e alle conclusioni espresse nelle pagine di Impero[17]. Come ha scritto Cristina Corradi,

la nuova versione dell’operaio sociale presuppone le indagini sul lavoro autonomo di seconda generazione- dotato di capacità cooperative, innovative e imprenditoriali- e gli studi sul post-fordismo e sulla rivoluzione informatica, che ipotizzano il passaggio ad un nuovo modello di accumulazione caratterizzato dalla flessibilità e smaterializzazione dei processi produttivi, dalla settorializzazione elle imprese, dall’introduzione dei sistemi modulari o a rete[18].

Quella di post-fordismo è una delle categorie interpretative centrali della riflessione post-operaista[19]. Con post-fordismo gli operaisti intendono delineare il nuovo contesto in cui, a partire dagli anni Ottanta, si sarebbe delineato un nuovo rapporto tra capitale e lavoro; la ristrutturazione capitalistica viene letta, coerentemente con la precedente impostazione teorica operaista, come reazione alle lotte dell’operaio massa, attraverso la capacità di assorbire e trasfigurare comportanti nati con un segno antagonista, come l’allentamento dalla fabbrica, il rifiuto del posto fisso, la capacità di costruire reti comunicative, rendendoli risorse produttive[20]:

Most of the strains of thought that arose from its wreckage have used the temr post-Fordism to describe a new configuration of capitalist socialist relations after “les trente gloriouses that followed the Secodn World War […] emphasised not only the repressiv enature of capital’s attack upon the process of political recomposition in the sixities and seventies, but also the counterevolution through which it sought to incorporate and normalise much of the creativity expresse by those challenging the post-war Fordist compact in Italy and similar social formations […] post-Fordism is read as the framework within which the new relationship of labour and capital is consituted[21]

Anche la composizione della forza lavoro sarebbe mutata, dal momento il lavoro si sarebbe fatto sempre più immateriale, intellettuale ed astratto e le sue forme mobili e flessibili. Proprio il sapere astratto sarebbe diventato, nell’ottica post operaista, la principale risorsa produttiva del modello post fordista, vedendo in ciò la realizzazione del concetto marxiano di General intellect. Tuttavia l’analisi post operaista si distanzia da quella marxiana in merito al General intellect: mentre per il pensatore di Treviri il General intellect è capitale fisso, cioè conoscenza scientifica oggettiva nelle macchiane, i post operaisti ritengono superata la distinzione tra capitale costante e capitale variabile, considerando il lavoro vivo come «imprenditorialità comune, intellettualità diffusa»[22].  Inoltre il lavoro nel post- Fordismo si caratterizzerebbe per una diversa modulazione del rapporto tra tempo di lavoro e tempo di vita, tra le quali non esisterebbero più barriere definite, mandando in crisi anche «le categorie classiche della politica moderna»[23].

Il passaggio al post fordismo venne interpretato da molti post operaisti, come Negri, Lazzaratto, Virno e Marazzi in termini di «transformation of labour towards more linguistic and cognitiv skills»[24]. Questo passaggio si sarebbe caratterizzato per la crescente importanza assunta dal cosiddetto lavoro immateriale, il quale, nell’analisi post-operaista, sarebbe diventata la forma di lavoro egemonica, o più precisamente la forma egemonica del rapporto tra capitale e lavoro nella nuova fase del capitalismo[25]. La classe operaia, dopo aver mandato in crisi il modello fordista con le sue lotte, si sarebbe costituita in una sorta di «lavoratore collettivo del General intellect», generando un’«Intellettualità diffusa» e le «condizioni soggettive nonché le forme strutturali di un’economia fondata sul ruolo motore e la diffusione del sapere». Coerentemente con la tradizione operaista, i post-operaisti attribuiscono al soggetto antagonista, alla «potenza del lavoro vivo» il ruolo di motore dello sviluppo, che avrebbe preceduto storicamente e logicamente la nascita del cosiddetto capitalismo cognitivo[26]. Claudio Vercellone, infatti, ritiene che con la fine del fordismo sia finito non solo un modo di organizzare la produzione ma l’intera fase del capitalismo industriale, a cui sarebbe seguita la fase del capitalismo cognitivo[27], caratterizzato da un nuovo e diverso rapporto tra capitale e lavoro, da un nuovo modo di produrre, da una nuova «composizione di classe sulla quale poggia la valorizzazione del capitale e da nuove «forme di distribuzione del reddito fra salario, rendita e profitto»[28]. Negri e Vercellone hanno definito il capitalismo cognitivo come

Un sistema di accumulazione nel quale il lavoro produttivo del lavoro intellettuale immateriale diviene dominante e dove l’asse centrale della valorizzazione del captale porta direttamente sull’espropriazione attraverso la rendita del comune e della trasformazione della conoscenza in una merce […] La crescita in potenza della dimensione cognitiva del lavoro corrisponde all’affermazione di una nuova egemonia delle conoscenze mobilizzate dal lavoro […] è il lavoro vivo che adempie ormai ad un gran numero delle funzioni un tempo svolte dal capitale fisso. La conoscenza è sempre più collettivamente condivisa […] Nella nuova figura del rapporto tra capitale e lavoro […] il lavoro sta così all’interno dell’impresa ma, allo stesso tempo, si organizza sempre più fuori di essa[29].

Con lavoro immateriale Negri intende tre forme di lavoro: il lavoro concernente la produzione industriale informatizzata, «the one involved in “analytic and symbolic tasks, which itselelf breaks downinto creative and intelligent manipualtion on the one hand and routine smbolic tasks on the other» e l’attività riguardante la produzione e la manipolazione di affetti, che richiede un contatto umano, sia esso virtuale o fattuale[30]. Caratteristiche principali del nuovo rapporto tra capitale e lavoro sarebbero: ribaltamento del rapporto tra lavoro vivo e lavoro morto e tra fabbrica  e società, il passaggio da una divisone del lavoro tayloristica  ad una divisione «cognitiva», nuove forme di controllo del lavoro da parte del capitale, fenomeni di declassamento «ovvero una svalorizzazione delle condizioni di remunerazione e di impiego rispetto alle competenze effettivamente  utilizzate nello svolgimento  dell’attività lavorativa»[31]. Utilizzando la categoria di «bioproduzione» molti post-operaisti ritengono che il capitalismo cognitivo abbia esteso il processo di valorizzazione a tutti gli ambiti dell’esistenza umana attraverso i processi di digitalizzazione e finanziarizzazione, e sia in grado di «mettere al lavoro la vita stessa» e di «appropriarsi dell’intero universo delle relazioni sociali e di tutto il tempo di vita, che divengono materia prima dei processi di valorizzazione»[32]. Se la vita sociale diventa parte integrante del ciclo produttivo del lavoro immateriale e i confini tra tempo di lavoro e tempo di vita privata si fondono, questo significa, nell’analisi post-operaista che non si può più ritenere valida la legge del valore, che viene ridotta a semplice comando ed imposizione esterna da parte del capitale parassitario, rompendo con la tradizione marxista[33]. Inoltre, riperdendo il concetto foucoltiano di governamentalità, ritengono che il capitalismo cognitivo metta in pratica nuovi dispositivi di controllo e di produzione di soggettività per disciplinare, normare e dirigere i lavoratori: le crisi, l’indebitamento, la precarizzazione del lavoro sono letti da molti post-operaisti in questo senso[34]. Nella riflessione post-operaista, però, tutto ciò delineerebbe un capitalismo in realtà agonizzante, in quanto la contraddizione principale non risiederebbe più nel rapporto tra capitale e lavoro ma tra capitale e l’esistenza stessi degli individui. In questo senso il rifiuto del lavoro assume la forma di una critica ed un rifiuto assoluto del capitalismo generale e diventa la via per cercare un nuovo «modello fondato sulla priorità della produzione dell’uomo per e attraverso l’uomo»[35]. I post-operaisti cercano nelle stesse caratteristiche del lavoro immateriale sia i nuovi soggetti antagonisti che le forme e le possibilità latenti di emancipazione. Come già detto, per Negri e Hardt l’organizzazione in network che carterrizza il lavoro immateriale costituirebbe la nuova forma organizzativa per esprimere la contrapposizione al capitalismo cognitivo. La natura stessa delle nuove attività creative, flessibilità e mobilità, conterrebbe in sé possibilità latenti di indipendenza dal comando del capitale. Inoltre, considerano la creatività come «principale sorgente di valore». Negri ritine che il capitale sia costretto a riconoscere ai lavoratori margini sempre più ampi di autonomia, limitata solo dal fatto di essere finalizzata verso obbiettivi eterodiretti. L’obbiettivo sarebbe quindi quello di togliere al capitale il potere di determinazione degli obbiettivi del lavoro e restituirlo all’indipendenza dei lavoratori[36].

Come sottolineato dalla Corradi, da queste riflessioni son scaturiti diversi filoni di indagine. Uno di questi riguarda il lavoro autonomo di seconda generazione. Come ha scritto Sergio Bologna, «Il nostro interesse, la nostra analisi, dovevano concentrarsi sulla figura del knowledge worker e scandagliare le caratteristiche intrinseche a quella moltitudine che formava la nuova middle class, un aggregato sociale che ormai non aveva più i valori della vecchia borghesia»[37]. A partire dagli anni Settanta infatti, s’assistette nel mondo occidentale alla comparsa di nuove professioni di natura intellettuale, artistica  e creativa; I fattori che produssero la nascita di questi nuovi profili furono: le trasformazioni che riguardarono l’organizzazione del lavoro, con il decentramento, l’esternalizzazione e la flessibilizzazione dei processi produttivi, che hanno accresciuto l’importanza delle subforniture di molte funzioni sia produttive che commerciali; lo sviluppo dell’informatica, con la diffusione globale di personal computer e del web, che hanno reso possibile nuove forme di lavoro autonomo; le trasformazioni degli stili di vita (struttura familiare, mobilità fisica, diffusione di pratiche di benessere e di cura del sé, crescita dei settori del turismo, della ristorazione e dei media)[38].

La comprensione di queste nuove professioni necessitava da un lato il loro inserimento all’interno di una concezione del lavoro come terreno di interessi antagonistici e contemporaneamente di solidarietà tra i lavoratori, dall’altro il rifiuto l’immagine neoliberale del lavoratore postfordista, che paragonava il lavoratore autonomo ad un’impresa[39]. Da questo puto di vista, la definizione di knowledge worker era la più funzionale a definire il rapporto tra queste persone e il loro lavoro come elemento che ne definiva l’essenza: «Il lavoro indipendente è semplicemente un diverso modo di guadagnarsi da vivere lavorando per conto terzi. In tal modo era possibile riportare il freelance dentro l’ordine simbolico del lavoro.»[40].

Per definire questi nuovi lavoratori autonomi, Bologna parla di «lavoro svolto da professionisti indipendenti (iPros) dell’era digitale che offrono servizi alle imprese, alle istituzioni e alle persone»[41]. Essi si distinguono sia dalle precedenti forme di lavoro autonomo[42] che, ovviamente, dal lavoro salariato. Innanzitutto per quanto riguarda lo spazio di lavoro, che per i lavoratori salariati era, e rimane, diviso nettamente da quello privato-familiare, mentre per i freelance/knowledge workers si fonde con quello privato. Infatti spesso essi lavorano da casa per evitare i costi di un ufficio (domestication[43]); questa tendenza è stata resa possibile dall’avvento di internet: «lo spazio virtuale della connettività via web ha in un certo senso per il lavoratore indipendente sostituito o spazio fisico del lavoro salariato». In alcuni casi però i lavoratori autonomi si sono organizzati in coworking: essi sono nati rispondendo all’esigenza di aver uno spazio di lavoro a poco prezzo da parte delle fasce più deboli dei freelance e sono diventati importanti spazi di scambio di conoscenze, costruzioni di rapporti interpersonali e di un senso di comunità. Questa diversità riguarda ovviamente anche il tempo di lavoro. Il lavoratore autonomo dell’era digitale può organizzare liberamente la sua giornata lavorativa, ma questo non comporta una reale liberazione dal lavoro, in quanto egli deve orientare il suo tempo di lavoro in base alle scadenze e alle esigenze dei suoi clienti. Un’altra caratteristica dei freelance è la forma della loro retribuzione, che avviene normalmente sotto forma di fattura. Inoltre il freelance deve costruirsi da solo quel network di relazioni sociali e professionali indispensabile per il successo della sua attività, nonché costruire con le sue sole forza una clientela. Infine Sergio Bologna sottolinea come un’altra differenza importante stia nelle «forme del conflitto sociale». Al contrario dei lavoratori salariati, i freelance non hanno la possibilità di usare efficacemente l’arma dello sciopero. Tendenzialmente le loro azioni rivendicative hanno assunto la forma di lobbying, e soprattutto quella della spettacolarizzazione/medializzazione delle loro proteste: «L’unico suo elemento di forza sta nel modo spettacolare con cui oggi si manifesta lo scontro politico, il conflitto sociale si gioca sui media, sulla comunicazione, sulla rete, nello spazio virtuale.»[44]. All’interno del gruppo sociale dei lavoratori autonomi di seconda generazione esiste una stratificazione sociale polarizzata, che vede in cima alla piramide un rispetto gruppo con alti redditi e alla base un vasto stato di freelance dia redditi più bassi, che vivono sulla propria pelle i rischi del mercato e sono poco protetti dai welfare state occidentali. Questi ultimi due fattori (difficoltà economiche e scarsa protezione sociale) insieme alla progressiva acquisizione di una coscienza di sé come lavoratori, anche grazie ai coworking, ha fatto sì che dagli anni Novanta abbiano iniziato a nascere, prima negli Usa e poi in Europa, forme di rappresentanza degli interessi di questi lavoratori, che negli ultimi anni hanno acquisto sempre più importanza[45].

Bibliografia

 Sergio Bologna, Knowledge workers. Dall’operaio massa al freelance, Asterios Editore, Trieste 2015.

Sergio Bologna, La New Workforce. Il movimento dei freelance, Asterios Editore, Trieste 2015.

Cristina Corradi, Panzieri, Tronti, Negri: le diverse eredità dell’operaismo italiano, in «Consecutio Temporum. Rivista critica della Postmodernità», pp. 1-25.

Carlo Formenti, Derive post-operaiste e cattura cognitiva, consultabile in http://www.sinistrainrete.info/lavoro-e-sindacato/.

Antonio Negri, Carlo Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro nel capitalismo cognitivo, Posse, 2007, Ottobre, pp. 46-56.

Rodrigo Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, in «Ephemera. Theory&politics in organization», vol. 7, 2007, pp. 178-202, consultabile in www.ephemerajournal.org/.

Matteo Pasquinelli, Italian Operaismo and the Information Machine, in «Theory, Culture & Society», Vol. 32 (3), 2015, pp. 49-68.

Steve Wright, Back to the future: Italian Workerists reflect upon the Operaista project, in «Ephemera. Theory&politics in organization», vol. 7, 2007, pp. 270-281, consultabile in www.ephemerajournal.org/.

 Elia Zaru, Traiettorie globali nella tradizione politica dell’operaismo. Antonio Negri dai «Quaderni rossi» e  «Classe operaia» a Empire, consultabile in http:// filosofia-italiana.net.

Note

 [1] Sergio Bologna, Knowledge workers. Dall’operaio massa al freelance, Asterios Editore, Trieste 2015, p. 12.

[2] Elia Zaru, Traiettorie globali nella tradizione politica dell’operaismo. Antonio Negri dai «Quaderni rossi» e  «Classe operaia» a Empire, consultabile in http:// filosofia-italiana.net.

[3] «La rivisitazione del filone operaista non può, quindi, eludere interrogativi e prese di posizione sull’attualità di un lascito che va articolato in tre differenti eredità: il contributo di Panzieri, che interpreta un’esigenza di rivitalizzazione del marxismo; il pensiero operaio di Tronti che segna una rottura con il pensiero marxista; la teoria dell’operaio sociale di Negri, che esplicita una vocazione oltremarxista e oltremarxiana». Cristina Corradi, Panzieri, Tronti, Negri: le diverse eredità dell’operaismo italiano, in «Consecutio Temporum. Rivista critica della Postmodernità», p. 7. Mario Tronti, invece, ritiene che si possa parlare di operaismo solo fino alla fine degli anni Sessanta. Su questa scorta anche l’interpretazione di Rodrigo Nunes: «I use the term (post-Operaismo so as the highlight continuity, even if in very transformed term, between the work being done today and some of the original hypotheses of italian “poltical” Workerism (Operaismo). In this way, “Operaismo” would refer to the theoretical and political work being done around the time fo Quaderni rossi, Classe operaia and the organisation called Potere operaio; post-Operaismo refers to what follows from the experience, from the erarly 1970’s to now; and (post-)Operaismi s a way to referring to both moment at once». Rodrigo Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, in «Ephemera. Theory&politics in organization», vol. 7, 2007, p. 179.

[4] Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, p. 4.

[5] Ivi, p. 3.

[6]  Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., pp. 16-21.

[7] Ivi, p. 20.

[8] Bologna, Knowledge workers, cit., pp. 29-32.

[9] Bologna, Knowledge workers, cit., pp. 33-42.

[10] Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., p. 22.

[11] Zaru, Traiettorie globali nella tradizione politica dell’operaismo, cit., p. 3.

[12] Cfr. Ivi, pp. 4-5.

[13] Zaru, Traiettorie globali nella tradizione politica dell’operaismo, cit., p. 4.

[14] Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., p. 184.

[15] Ivi, p. 185.

[16] Ibid.

[17] «As Dyer-Whiteford […] very acutely observes, Empire represents an extension of the thesis of the “socialised worker”, essentialy developed in a (European or, in very schematic terms, “global North”) metropolitan context to a global scale.». Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., p. 193.

[18] Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., p. 23.

[19]  In realtà all’interno della galassia post-operaista esistono posizioni differenti riguardo la validità e l’utilità della categoria di Post-fordismo. Per una sintetica panoramica cfr. Steve Wright, Back to the future: Italian Workerists reflect upon the Operaista project, in «Ephemera. Theory&politics in organization», vol. 7, 2007, pp. 274-275, consultabile in www.ephemerajournal.org/

[20] Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., p. 23.

[21] Wright, Back to the future, cit., p. 274.

[22] Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., p. 23.

[23] «Quando il sapere sociale complessivo e la comune competenza linguistica divengono lo spartito del lavoro contemporaneo, il lavoro assume le attitudini proprie dell’agire politico e lo spazio della politica non è più la polis ma la vita. A livello dir realizzazione del general intellect si verifica dunque il passaggio dalla società disciplinare alla società governamentale […] dal biopotere alla biopolitica.». Corradi, Panzieri, Tronti, Negri, cit., p. 24.

[24] Matteo Pasquinelli, Italian Operaismo and the Information Machine, in «Theory, Culture & Society», Vol. 32 (3), 2015, p. 58.

[25] Antonio Negri, Carlo Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro nel capitalismo cognitivo, Posse, 2007, Ottobre, p. 1 e Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., pp. 182 e 191.

[26] Negri, Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro, cit., p. 2.

[27]  «With more precision Vercellone […] has attempted to systematize all the analyses on immaterial labour aand mass intellectuality under the pardigm of cognitiv capitalism. For Vercellone the idea of the general intellect means matierialiticaly a new division of labour. The history of capitalismi s read by Vercellone along three stages of antagonism and exploitation: formal subsumption (manifacturing capitalism), real subsumption (industrial capitalism) and general intellect (cognitvie capitalism).» Pasquinelli, Italian Operaismo and the Information Machine, cit., p. 60.

[28] Ivi, p. 1.

[29] Ivi, pp. 2-3.

[30] Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., p. 186.

[31] Negri, Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro, cit., pp. 3-6.

[32] Carlo Formenti, Derive post-operaiste e cattura cognitiva, p.4, consultabile in http://www.sinistrainrete.info/lavoro-e-sindacato/.

[33] Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., p. 185.

[34] Cfr. Negri, Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro, cit., pp. Formenti

[35] Negri, Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro, cit., p. 10.

[36] Negri, Vercellone, Il rapporto capitale/lavoro, cit., pp. 9-10 e Nunes, ‘Forward How? Forward Where?’ I: (Post-) Operaismo beyond the Immaterial labour thesis, cit., pp. 184-185.

[37] Bologna, Knowledge workers, cit., p. 28.

[38] Sergio Bologna, La New Workforce. Il movimento dei freelance, Asterios Editore, Trieste 2015, pp. 20-22.

[39] Ivi, p. 15.

[40] Ibid.

[41] Bologna, La New Workforce, cit., p. 23.

[42] Cfr. Ivi, pp. 11-12 e 16-20.

[43] Con domestication i sociologi definiscono il frequente utilizzo della propria abitazione come luogo di lavoro; questo ha conseguenze significative sulla mentalità e sulla vita dei lavoratori autonomi: «La domestication del lavoro indipendente ha conseguenze di diversa natura: psicologiche nel senso che mette la persona in condizione di solitudine e di isolamento, e tutto questo favorisce lo sviluppo di una mentalità individualistica; di genere, nel senso che le donne con obblighi di cura verso i figli, lavorando a casa, possono conciliare meglio obblighi familiare obblighi professionali.». Bologna, La New Workforce, cit., p.p. 23-24.

[44] Bologna, La New Workforce, cit., pp. 23-34.

[45] Cfr. Ivi, pp. 35-46.


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search