Il lavoro freelance I: emancipazione o sfruttamento?

In seguito ai processi di ristrutturazione della grande fabbrica fordista e al passaggio a quello che è stato definito Post-fordismo, la figura sociale e professionale dei lavoratori della conoscenza (o knowledge workers) ha assunto sempre più importanza[1]. A lungo è stata prevalente un’immagine totalmente positiva ed euforica di queste nuove professioni, promossa dal discorso neoliberale. È stato nel variegato mondo del Post-operaismo che questa immagine apologetica ha iniziato ad essere messa in discussione, diventando oggetto di un filone di ricerca critico, attento ad analizzare problemi e diseguaglianze vissute da questi lavoratori post-fordisti. Come ha scritto Sergio Bologna, tra gli studiosi principali del mondo dei lavoratori della conoscenza, «Il nostro interesse, la nostra analisi, dovevano concentrarsi sulla figura del knowledge worker e scandagliare le caratteristiche intrinseche a quella moltitudine che formava la nuova middle class, un aggregato sociale che ormai non aveva più i valori della vecchia borghesia»[2]. A partire dagli anni Settanta infatti, s’assistette nel mondo occidentale alla comparsa di nuove professioni di natura intellettuale, artistica  e creativa; I fattori che produssero la nascita di questi nuovi profili furono: le trasformazioni che riguardarono l’organizzazione del lavoro, con il decentramento, l’esternalizzazione e la flessibilizzazione dei processi produttivi, che hanno accresciuto l’importanza delle subforniture di molte funzioni sia produttive che commerciali; lo sviluppo dell’informatica, con la diffusione globale di personal computer e del web, che hanno reso possibile nuove forme di lavoro autonomo; le trasformazioni degli stili di vita (struttura familiare, mobilità fisica, diffusione di pratiche di benessere e di cura del sé, crescita dei settori del turismo, della ristorazione e dei media)[3].

La comprensione di queste nuove professioni necessitava da un lato il loro inserimento all’interno di una concezione del lavoro come terreno di interessi antagonistici e contemporaneamente di solidarietà tra i lavoratori, dall’altro il rifiuto l’immagine neoliberale del lavoratore postfordista, che paragonava il lavoratore autonomo ad un’impresa[4]. Da questo puto di vista, la definizione di knowledge worker era la più funzionale a definire il rapporto tra queste persone e il loro lavoro come elemento che ne definiva l’essenza: «Il lavoro indipendente è semplicemente un diverso modo di guadagnarsi da vivere lavorando per conto terzi. In tal modo era possibile riportare il freelance dentro l’ordine simbolico del lavoro.»[5]. Il termine knowledge workers fu introdotto da Peter Drucker negli anni Cinquanta ed è stato ripreso negli anni Novanta «per transitare la percezione dell’oggi dall’rodine simbolico “fordista” all’ordine simbolico “postfordista”, passando da definizioni come “società postindustriale, “società dell’informazione”, “società della conoscenza, “società dei beni immateriali, ecc.»[6]. Il lavoro autonomo e quello intellettuale e creativo, in realtà, non rappresentano in sé una novità. Dagli anni Settanta però essi hanno assunto forme nuove, generate da un lato dalle trasformazioni strutturali della società occidentale sopra citate, dall’altro da una spinta soggettiva delle nuove generazioni alla ricerca di un modo di vita diverso da quello del lavoratore salariato: «la voglia di “farsi da sé”, di gestire il proprio tempo, di cogliere le opportunità offerte dal cambiamento delle abitudini e dei consumi, oppure la voglia di tornare alla terra, di uscire dallo stress della metropoli, in altre parole un moto libertario, una voglia di vivere secondo regole interne, non da “eterodiretti”.»[7]

Sergio Bologna, proveniente dal mondo dell’operaismo italiano, è stato tra i primi in Italia ad attirare l’attenzione su quelli che ha definito «i lavoratori autonomi di seconda generazione», in un volume intitolato Il lavoro autonomo di seconda generazione. Scenari del postfordismo in Italia (1997), che ha avuto il merito di suscitare un intenso dibattito sul tema. Le tesi di Bologna erano che il lavoro autonomo di prima generazione fosse in calo relativo; fosse in atto il passaggio dal lavoro autonomo di prima generazione a quello di seconda generazione; la tendenza di questo a concentrarsi nei servizi alle imprese; la concentrazione di queste nuove figure professionali nelle aree metropolitane[8]. Per definire questi nuovi lavoratori autonomi, Bologna parla di «lavoro svolto da professionisti indipendenti (iPros) dell’era digitale che offrono servizi alle imprese, alle istituzioni e alle persone»[9]. Essi si distinguono sia dalle precedenti forme di lavoro autonomo[10] che, ovviamente, dal lavoro salariato. Innanzitutto per quanto riguarda lo spazio di lavoro, che per i lavoratori salariati era, e rimane, diviso nettamente da quello privato-familiare, mentre per i freelance/knowledge workers si fonde con quello privato. Infatti spesso essi lavorano da casa per evitare i costi di un ufficio (domestication[11]); questa tendenza è stata resa possibile dall’avvento di internet: «lo spazio virtuale della connettività via web ha in un certo senso per il lavoratore indipendente sostituito o spazio fisico del lavoro salariato». In alcuni casi però i lavoratori autonomi si sono organizzati in coworking: essi sono nati rispondendo all’esigenza di aver uno spazio di lavoro a poco prezzo da parte delle fasce più deboli dei freelance e sono diventati importanti spazi di scambio di conoscenze, costruzioni di rapporti interpersonali e di un senso di comunità. Questa diversità riguarda ovviamente anche il tempo di lavoro. Il lavoratore autonomo dell’era digitale può organizzare liberamente la sua giornata lavorativa, ma questo non comporta una reale liberazione dal lavoro, in quanto egli deve orientare il suo tempo di lavoro in base alle scadenze e alle esigenze dei suoi clienti. Un’altra caratteristica dei freelance è la forma della loro retribuzione, che avviene normalmente sotto forma di fattura. Inoltre il freelance deve costruirsi da solo quel network di relazioni sociali e professionali indispensabile per il successo della sua attività, nonché costruire con le sue sole forza una clientela. Infine Sergio Bologna sottolinea come un’altra differenza importante stia nelle «forme del conflitto sociale». Al contrario dei lavoratori salariati, i freelance non hanno la possibilità di usare efficacemente l’arma dello sciopero. Tendenzialmente le loro azioni rivendicative hanno assunto la forma di lobbying, e soprattutto quella della spettacolarizzazione/medializzazione delle loro proteste: «L’unico suo elemento di forza sta nel modo spettacolare con cui oggi si manifesta lo scontro politico, il conflitto sociale si gioca sui media, sulla comunicazione, sulla rete, nello spazio virtuale.»[12].

[1] Come scrive Sergio Bologna, «Ci troviamo in un’epoca nella quale le trasformazioni degli assetti produttivi e degli assetti produttivi e degli stili di vita, dell’organizzazione economica globale e dei sistemi di omunicaizone, dei linguaggi e delle relazioni internazionali sono tali da postulare l’avvento di una figura professionale ed umana “nuova”, di una “stirpe” diversa dalle precedenti, in grado di permeare di sé l’intera società e al tempo stesso di esserne il simbolo, il logos». Sergio Bologna, I lavoratori della conoscenza e la fabbrica che dovrebbe produrli, in «L’ospite ingrato», VIII, I, 2005, p. 18.

[2] Bologna, Knowledge workers. Dall’operaio massa al Freelance, Asterios Editore, Trieste, p. 28.

[3] Sergio Bologna, La New Workforce. Il movimento dei freelance, Asterios Editore, Trieste 2015, pp. 20-22.

[4] Ivi, p. 15.

[5] Ibid.

[6] Sergio Bologna critica molte di queste definizioni: «Parlare di “società della conoscenza” ci consente di restare sul vago; parlare di “lavoratore della conoscenza” ci costringe a dare un volto preciso a una figura reale. Parlare di “economia dell’immateriale” ci consente di cogliere numerosi risvolti del reale, parlare di “lavoro immateriale” non ci porta da nessuna parte. L’ordine simbolico del lavoro è un ordine con cui non si scherza». Bologna, I lavoratori della conoscenza, cit., p. 15

[7] Sergio Bologna, I lavoratori autonomi di seconda generazione, in «Impresa&Stato», n. 46, p. 3.

[8] Bologna, I lavoratori della conoscenza, cit., p. 17.

[9] Bologna, La New Workforce, cit., p. 23.

[10] Cfr. Ivi, pp. 11-12 e 16-20.

[11] Con domestication i sociologi definiscono il frequente utilizzo della propria abitazione come luogo di lavoro; questo ha conseguenze significative sulla mentalità e sulla vita dei lavoratori autonomi: «La domestication del lavoro indipendente ha conseguenze di diversa natura: psicologiche nel senso che mette la persona in condizione di solitudine e di isolamento, e tutto questo favorisce lo sviluppo di una mentalità individualistica; di genere, nel senso che le donne con obblighi di cura verso i figli, lavorando a casa, possono conciliare meglio obblighi familiare obblighi professionali.». Bologna, La New Workforce, cit., p.p. 23-24.

[12] Bologna, La New Workforce, cit., pp. 23-34.


Das könnte dich auch interessieren …

2 Antworten

  1. Jacopo Ciammariconi sagt:

    Grazie mille per le tue riflessioni! Le ho trovate molto utili, anche per rivedere alcune posizioni. Soprattutto in merito agli spazi di coworking effettivamente avrei dovuto problematizzare meglio la posizione di Bologna, che al riguardo è molto ottimista. La seconda parte dell’articolo (https://tribes.hypotheses.org/511) va più in questa direzione, sottolineando come quella dei freelancer sia stata una parabola, nel senso che l’ottimismo e le speranze sviluppai dal loro modello lavorativo si sono poi infranti contro le contraddizioni e le diseguaglianze del mondo del lavoro globalizzato.

    Sulla condizione di precarietà dei freelancer generalizzata anche ad altri soggetti del mondo del lavoro, sono assolutamente d’accordo. Mi viene però da chiedere se non sia la condizione strutturale dei lavoratori all’interno del modo di produzione capitalistico, nel senso che nella fase iniziale del capitalismo l’attività lavorativa fu anche caratterizzata da precarietà, frammentarietà e temporaneità. Sono abbastanza convinto che i trent’anni del dopoguerra siano stati una parentesi difficilmente ripetibile per crescita economica, crescita demografica, condizione del mercato del lavoro… Ovviamente non intendo che la precarietà attuale sia esattamente la stessa cosa, però secondo me sarebbe interessante guardare le continuità di lungo periodo oltre che le cesure! Secondo me una differenza tra la condizione dei freelancer e altre categorie di precari risiede nel fatto che la flessibilità viene rivendicata negli anni Settanta, dove secondo me risiedono le radici culturali dei lavoratori autonomi di seconda generazione. Questi hanno una concezione contrapposta al lavoro fisso e standardizzato. Sarebbe interessante riflettere su questo punto.

    L’unico dubbio che ho è di natura politica e non scientifica e riguarda il punto sulla difficoltà di costruire solidarietà e una dimensione collettiva tra i lavoratori freelancer: sono assolutamente d’accordo che la mutevolezza dei contenuti, dei tempi e delle modalità di lavoro lo renda molto complesso; sono però dell’dea che questo richieda (e abbia richiesto anche in passato) un processo politico di organizzazione che costruisca la dimensione collettiva e solidale tra i lavoratori, e che queste non nascano necessariamente spontaneamente dai lavoratori stessi.

  2. Elisabetta sagt:

    Secondo me, il freelance non riguarda più soltanto la figura del knowledge, ma anche le persone specializzate, gli artigiani, i tecnici, che vengono assunti con contratti sempre più precari, alcuni anche di 15 giorni, oppure vengono chiamati solo se in possesso di partita iva.
    La tesi di Bologna sull’emergere del lavoro autonomo è giusta: il freelance è colui che offre servizi alle imprese, alle piccole realtà e, ad oggi, alle persone (pensiamo ad esempio a coloro che curano l’immagine social dei personaggi pubblici, che siano politici, letterati o persone appartenenti al mondo dello spettacolo). Sono, invece, abbastanza scettica nel dire che i freelancers creino il proprio senso di comunità all’interno degli spazi di coworking. E’ vero che questi spazi possono funzionare come hub, ma è anche vero che non creano comunità; creano collaborazioni, la cui durata può essere misurata in base al bisogno, che devono soddisfare, ma non una convivenza comune ispirata a principi e valori condivisibili.
    Con l’avanzare della figura del freelance non si è creato quel terreno di solidarietà tra i lavoratori che, auspicava l’articolo di Ciammaroni: sono state esacerbate la concorrenza, il costo sempre minore della prestazione lavorativa, l’essere sempre disponibili, al di là degli impegni personali o dell’orario lavorativo.
    Teoricamente il lavoro va organizzato in base alle esigenze o alle scadenze, ma è effettivamente soggetto agli umori di chi ha commissionato la prestazione. Siamo di fronte all’annullamento completo di quella che Hegel chiamava la “dialettica servo-padrone”: non abbiamo più un rapporto lavorativo di inclusione e di presa di coscienza del ruolo del lavoratore.
    Non siamo in grado di definire l’identità del lavoratore freelance, proprio perché, ogni volta si devono calibrare le proprie competenze, ed anche le proprie parcelle, per rendersi più appetibili agli occhi del cliente.

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search