Una letteratura per la classe operaia? Scritture Working Class

Questo intervento di Alberto Prunetti è stato pubblicato sul www.wumingfoundation.com nel settembre 2017. Alberto Prunetti è uno scrittore italiano, la cui opera più conosciuta è Amianto. Una storia operaia  (2012)., che si è sempre impegnato nell’attività politica e culturale, collaborando, oltre che con il collettivo Wu Ming anche con la rivista Carmilla di Valerio Evangelisti.

In questo articolo che TrIBES propone come re-post Prunetti riflette sulle nuove scritture Working class, facendo un parallelo tra la letteratura italiana ed inglese. Con scritture Working class egli intende „scritture sul mondo del lavoro con un punto di vista interno, in anni di deindustrializzazione fatte 1) da operai o 2) da figli di operai, cresciuti e socializzati nella vecchia classe operaia, o 3) da membri della nuova classe lavoratrice precaria dei servizi, delle pulizie, della ristorazione“.

A suo giudizio l’eclissi della classe operaia nella letteratura (così come nella società) è legata a doppio filo alla narrazione neoliberista degli anni Novanta, che „ci vuole tutti ceto medio“; nella scrittura working class secondo Prunetti risiede un serbatoio simbolico e politico, in quanto essa ricostruisce la memoria del conflitto di classe e „il conflitto alimenta l’immaginario, le storie creano l’immaginario, l’immaginario crea conflitto e altre storie“. La riflessione di Prunetti è ovviamente politica e vede nella scrittura working class un mezzo per riaccendere la fiamma del conflitto sociale; a mio parere, però, la sua è una riflessione che può essere feconda anche per la ricerca storica. Le scritture working class potrebbero essere sfruttate in chiave storiografica, in quanto  rappresentano contemporaneamente elaborazioni/testimonianze del passato che forme di soggettivazione/identità (frammentata) della classe operaia. In particolare nell’ottica di una Storia culturale del lavoro e delle semantiche del lavoro degli ultimi quarant’anni esse possono essere  fonti di particolare interesse per la ricerca storica.

Soprattutto potrebbero risultare uno strumento fecondo per provare a risolvere il problema posto qualche anno fa da Luciano Gallino, ovverosia il fatto che „le classi sociali esistono ancora, sebbene siano scomparse dalla mente di quasi tutti noi“. Come dice Prunetti, queste scritture working class  non sono (solo) narrativa del lavoro […] sono la narrativa della classe operaia, fatta da operai o da lavoratori subalterni e sfruttati e della nuova classe lavoratrice, precaria e sfruttata“

 

 


Nuove scritture working class: nel nome del pane e delle rose

Pubblicato in origine il 01.09.2017 da Alberto Prunetti su Giap

di Alberto Prunetti

Primo antefatto. Respira e intona il mantra: «Class is not cool»

Un libro racconta la storia di un educatore precario, figlio di un operaio di una fonderia. Padre e figlio si incontrano a parlare il sabato pomeriggio allo stadio. Come viene descritto quel romanzo inglese in Italia? Come un libro sul calcio. Ma in realtà quel romanzo è un racconto sulla classe operaia. Sulla working class inglese, che notoriamente attorno alla birra, al pub e al football aveva costruito elementi di convivialità e socialità. Dopo la fabbrica, ovviamente, ma quella era già stata smantellata. Così in Italia si adotta come un libro sul calcio quello che invece è un romanzo che racconta una classe sociale. La working class inglese.

Guai infatti a parlare di classe operaia. Ripetere tre volte il mantra ad alta voce: la classe operaia non esiste – la classe operaia non esiste – la classe operaia non esiste. Poi comprare su una piattaforma on line una penna usb assemblata in una fabbrica cinese e chiedersi quante decine di mani operaie toccano quel singolo oggetto da Shanghai a Piacenza.

Secondo antefatto. La servitù sta al piano basso, reparto «Sociologia»

Un’amica mi racconta un episodio curioso: entrata in una grande libreria di catena di Firenze, chiede una copia del mio libro Amianto, una storia operaiaLa indirizzano al piano di sotto, nel reparto sociologia. Lei domanda perché non sia in narrativa. E il commesso risponde: perché c’è scritto «una storia operaia». Aggiungerei: perché gli operai possono solo essere oggetti dello sguardo sociologico di terzi, meglio se colti e borghesi, mai protagonisti di storie raccontate con le proprie parole.

«Class is under your skin.» (Annette Kuhn)
«La società non esiste.» (Margaret Thatcher)
– Working class hates Mondays.
– You don’t hate Mondays, you hate Capitalism.

Un fatto dopo gli antefatti. Le scritture working class esistono

Appunto. Quando vuoi umiliare o attaccare un gruppo sociale, gli togli il diritto di parlare con le proprie parole. Lasci che qualcun altro lo interpreti, parli per lui o per lei. A lungo è stato così per gli indigeni, per le donne, di sicuro è ancora così per gli immigrati. Ed è così anche per gli operai. I racconti degli operai devono essere fatti da intellettuali, magari progressisti, appartenenti comunque alla classe media. Mai che gli operai possano raccontarsi da soli. Al massimo le loro storie possono essere pagine di diario o memoriali, tracce di esperienze che poi altri, intellettuali, borghesi e possibilmente maschi, interpreteranno. E invece no.

Negli ultimi anni sono stati pubblicati alcuni titoli in lingua italiana scritti da operai o da figli di operai, libri che raccontavano il mondo operaio dall’interno. Queste scritture working class non sono (solo) narrativa del lavoro. Non sono la narrativa del precariato o la nuova letteratura industriale. Sono la narrativa della classe operaia, fatta da operai o da lavoratori subalterni e sfruttati. Della vecchia classe operaia e della nuova classe lavoratrice, precaria e sfruttata.

Si può raccontare il lavoro senza fare narrativa working class. Ad esempio, raccontandolo da un punto di vista che esprime lo sguardo dell’oppressore e non dell’oppresso. Si può raccontare il lavoro senza sentirsi parte di una classe subalterna, senza raccontare il conflitto sociale. Fare scrittura working class significa soffiare sul fuoco, raccontare il conflitto, alimentarlo con le parole scritte. Storicizzare. Ritrovare fili rossi, brandelli di memorie che legano la vecchia e la nuova classe operaia.

Continua a leggere su https://www.wumingfoundation.com/giap/2017/09/nuove-scritture-working-class/

 


Jacopo Ciammariconi

Jacopo Ciammariconi (1991) hat in Turin Geschichte und Sozialwissenschaften studiert. Nach einer Zeit als junges Versprechen des lokalen Basketballs wechselte er ins Münsterland, wo er sich seit 2014 mit der westfälischen Lebensart konfrontiert sieht. Dabei beschäftigt er sich mit den Transformationen der Arbeitswelt in Italien und Europa. Seit 2016 promoviert er am Fachbereich III – Geschichte der Universität Trier.

More Posts

Das könnte Dich auch interessieren...

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.