(Repost) La fasciosfera: estrema destra sul web – Una recensione da “I Diavoli”

Dominique Albertini,David Doucet: La fasciosfera. Come l’estrema destra ha vinto la battaglia della rete, La nave di Teseo, 2018 ISBN 9788893444880

La fasciosfera è una galassia, per larghi tratti inesplorata, di siti web, blog e portali attraverso la quale i movimenti di estrema destra hanno acquistato in Europa una voce sempre più potente. Chi ne fa parte? Come si finanzia e quali sono le sue influenze? Qual è la visione dei suoi militanti e come diffondono le loro idee? Questa inchiesta svela per la prima volta cosa si nasconde dietro alla preoccupante diffusione di messaggi nazionalisti, antisemiti e violenti su una rete impossibile da controllare. Una diffusione che alimenta il successo delle frange estreme, dalla parabola di Marine Le Pen in Francia ai siti di fake news capaci di condizionare elezioni e decisioni politiche, dai siti religiosi ultraconservatori ai predicatori del web negazionisti e paladini di una controinformazione senza alcuna attendibilità, fino all’immaginario sconfinato dei siti pornografici. Un’indagine sconvolgente su una delle frontiere più inquietanti del mondo di oggi, che vede l’estrema destra conquistare nuovi spazi di rappresentanza e propaganda, una presenza che ha ormai varcato il confine del virtuale per conquistare la realtà in cui viviamo.

“L’estrema destra ha ingaggiato una battaglia culturale. E si aspetta che gli avversari si misurino con lei sul medesimo terreno.”

<http://www.lanavediteseo.eu/item/la-fasciosfera/


Dal blog “I Diavoli”
http://www.idiavoli.com/recensioni/fasciosfera-estrema-destra-web/

Marzo 2018

La fasciosfera: estrema destra sul web

Qual è il ruolo della rete nell’influenzare l’opinione pubblica? Se un tempo internet sembrava “la terra promessa dei dissidenti progressisti”, oggi è diventata strumento di battaglia culturale anche dell’estrema destra. È uscito con La Nave di Teseo “La fasciosfera”, di Dominique Albertini e David Doucet ed esplora l’humus culturale e il bacino di consensi fornito in Francia da una nebulosa online di canali, aggregatori, webstar e blog di orientamento nazionalista, xenofobo e reazionario. Ne pubblichiamo un estratto.

29 marzo 2018

Sull’onda dell’attualità (il caso Cambridge Analytica) e del risultato elettorale, finalmente anche in Italia ci si interroga più seriamente sul ruolo della Rete nel plasmare un’opinione pubblica ormai sempre più “digitale”, e sempre più sensibile ai messaggi anti-sistema veicolati online da forze bollate – forse sbrigativamente – come “populiste”.

Guardando al nascente “bipopulismo” (il copyright è di Massimo Giannini) italiano, se quella pentastellata rappresenta una variante sui generis di demagogia digitale, l’ascesa politica di Matteo Salvini ha invece molto in comune con la traiettoria percorsa da altri leader e movimenti di estrema destra, in particolare il Front National in Francia. La formazione guidata da Marine Le Pen ha saputo sfruttare la possibilità, offerta dai social network, di un rapporto diretto, disintermediato con gli elettori (“con Facebook ci mostriamo alla nostra audience come siamo, non come ci dipingono i media”, ha affermato Le Pen), ma anche l’humus culturale e il bacino di consensi fornito da una nebulosa online di canali, aggregatori, webstar e blog di orientamento nazionalista, xenofobo e reazionario: la fachosphère.

Proprio in questi giorni è uscito con La Nave di Teseo La fasciosfera, la traduzione del libro sull’estrema destra francese di Dominique Albertini e David Doucet del quale abbiamo parlato qualche tempo fa. Una lettura capace di aprire gli occhi anche a chi si è illuso che l’avvento dei mezzi di comunicazione digitale aprisse le porte a un’epoca di rinascita democratica:

[Internet] sembrava la terra promessa dei dissidenti progressisti, uno strumento volto a favorire gli scambi internazionali e il dibattito democratico. [Oggi] è giocoforza constatare che l’estrema destra ne ha tratto un profitto quantomeno uguale. Lo sviluppo della fasciosfera somiglia molto a quello del mercato pornografico. Prima dell’esplosione del digitale, la rappresentazione della sessualità sullo schermo era rara e controllata. Analogamente, le idee di estrema destra sono uscite dal cono d’ombra e hanno raggiunto il grosso pubblico.

La fasciosfera, affrancata dai molti vincoli che un tempo la soffocavano, oggi sta vivendo una vita assai prospera. E non bastano certo i grandi siti che abbiamo enumerato nel corso del libro a riassumere il fenomeno. La fasciosfera si fonda su una moltitudine di iniziative decentrate e spesso anonime: commenti xenofobi su siti di stampa, post pubblicati sui social, fotomontaggi…
(p. 379)

Se è vero, come concludono Albertini e Doucet, che “L’estrema destra ha ingaggiato una battaglia culturale. E si aspetta che gli avversari si misurino con lei sul medesimo terreno”, c’è da auspicare che, bando agli snobismi e alle facili ironie, anche dalle nostre parti qualcuno si dedichi a una mappatura altrettanto accurata della fasciosfera italiana.

Albertini, Doucet

Continua a leggere qui: <http://www.idiavoli.com/recensioni/fasciosfera-estrema-destra-web/>


Das könnte dich auch interessieren …

Schreibe einen Kommentar

Deine E-Mail-Adresse wird nicht veröffentlicht. Erforderliche Felder sind mit * markiert.

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.