Kategorie: Dissemination

Durch originelle wissenschaftliche Beiträge, welche die Vorarbeiten sowie die (vorläufigen) Ergebnisse der Projekte des Redaktionsteam präsentieren, möchte der Blog TrIBES die theoretischen, begrifflichen und phänomenologischen Grundlagen der Historischen Trendforschung der wissenschaftlichen Community und einem breiter interessierten Publikum zugänglich machen sowie zur Diskussion stellen.

Hier werden die eigene Texte des Redaktionsteam für den Blog veröffentlicht.

In der Rubrik Veröffentlichungen finden Sie die von TrIBES-Mitgliedern in gedruckter Form veröffentlichten Schriften.
___________________________________________________

Attraverso contributi scientifici originali, che presentano i lavori preliminari e i risultati dei progetti del team editoriale, il blog TrIBES si propone di rendere accessibili alla comunità scientifica e a un pubblico interessato più ampio i fondamenti teorici, concettuali e fenomenologici della ricerca storica sulle tendenze e di metterli in discussione.

I testi della redazione scritti per io blog verranno pubblicati in questa sezione.

Nella sezione pubblicazioni si trovano gli scritti pubblicati a stampa dai membri di TrIBES.

Conferenza/Conference (Zoom): “Dal rifiuto del lavoro alla precarietà: l’evoluzione del rapporto tra giovani e lavoro in Italia 1977-2002” – Jacopo Ciammariconi (Trier)

Panel 5.1: Ideas and ideologies of work in post-1945 Italy
Saturday the 4th of December 13.30-15 (UK time); 14.30-16.00 (ITA)

https://us02web.zoom.us/j/5237358688

Chair: Robert Gordon (University of Cambridge)

Stefano Adamo (Banja Luka University), Looking back on a not-quite-golden age: Recent literature of work and its ideology

Bianca Rita Cataldi (University College Dublin), “La disoccupazione sempre divide”: Labour, Alienation and Unemployment in Ottiero Ottieri’s ‘Donnarumma all’assalto’

Jacopo Ciammariconi (University of Trier), Dal rifiuto del lavoro alla precarietà: l’evoluzione del rapporto tra giovani e lavoro in Italia 1977-2002

Gesunde Ernährung als Trend in der westfälischen Provinz der 1970er Jahren

Die Hinwendung zur gesunden Ernährung war bereits in den 1970er Jahren einen Bestandteil des Wandels nach dem Boom. Angesichts der globalen Bedrohung durch den Kalten Krieg, der unabsehbaren Folgen der Atomtechnologie und der zunehmend sichtbarer werdenden Umweltbelastung durch die Industrie wurde auch die Schadstoffbelastung von Lebensmitteln zu einem gesellschaftlich relevanten Thema.

TrIBES ha pubblicato durante la fase più dura della pandemia un appello per un maggiore dialogo europeo, che partiva dall’inasprirsi dei rapporti politici e sociali tra Italia e Germania. Da quella prima iniziativa ne...

Migration – Region – Integration // Migrazione – regione – integrazione

Dieses Heft untersucht Migration in gesellschaftlichen Näheverhältnissen und konkreten sozialen Praktiken in vier verschiedenen regionalen Räumen: im Ruhrgebiet, Wolfsburg, Prato und in einigen Gebieten der betriebszentrierten lokalen Dimension der DDR. Dabei fokussieren die Beträge auf den jeweiligen Nexus von Migration und Integration und den damit einhergehenden lokalen Aushandlungsprozessen seit den 1970er Jahren.
**************
Questo numero propone di esaminare la migrazione nella prossimità sociale e nelle pratiche sociali concrete in quattro realtà regionali differenti: bacino della Ruhr, Wolfsburg, Prato e in diverse aree della Repubblica Democratica Tedesca, caratterizzate dalla centralità della fabbrica sul territorio. I contributi approfondiscono il nesso tra migrazioni e integrazione alle quali sono legato le dinamiche di negoziazione a livello locale dagli anni Settanta in poi.

L’emergenza sanitaria in prospettiva storica – Lettera aperta ai Governi dei paesi membri e alle istituzioni dell’U.E. da parte della comunità degli storici

di: Carlo Spagnolo – Vito Gironda – Christian Jansen – Massimiliano Livi Deutsche Fassung hier Versión en español aquí Version française ici In questi giorni stiamo discutendo molto di Europa e di manipolazioni del...

Stat crux dum volvitur orbis? Ovvero: dove vanno i cattolici italiani?

Dopo un’eclissi graduale iniziata nel 2011, i cattolici sono scomparsi dalla scena politica naturalmente non come individui (lo stesso Conte del resto si professa cattolico) ma come insieme di soggetti collettivi. Ed è questo per me forse l’elemento di maggior di novità che si è venuto a delineare in questi ultimi, anche in relazione alla “seconda Repubblica”.
Il tempo ci farà capire se ed in che misura sarà più auspicabile una definitiva secolarizzazione della politica italiana, ad esempio attraverso l’ibridazione di PD e M5S, o un ritorno di un cattolicesimo moderato e liberale al “centro” della stessa, che possa depotenziare le derive fondamentaliste cui si assiste da un po’.

Era meglio quando essere classe media era un’ambizione?

La fluidificazione della classe media (ma anche di quella ex-operaia) nel blob giallobruno (che poi è quello dei gilet gialli in Francia, del trumpismo americano ed in parte dell’AfD tedesca) ha rivelato all’uomo “qualunquemente”[11] non qualificato la possibilità di un suo arrembaggio ai vertici della società non solo rituale o simbolico ma tangibilmente reale. Puoi essere ministro rivendicando di non essere un politico come puoi essere una pop-star sostenendo di non essere un cantante. In fondo Lino Banfi è uno di noi e nel postmoderno chiunque può andare in tangenziale col trattore a comandare. #WATTBA.

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search