Lo studio dei trend in prospettiva storica

Introduzione

 

La storia sociale ha bisogno di un nuovo approccio metodologico all’emergere di nuovi fenomeni culturali, sociali ed estetici a partire dagli anni Ottanta per poterli percepire fenomenologicamente nella loro capacità di trasformare (non solo) le strutture sociali e creare nuovi sistemi simbolici di ordine.

 

Da questa osservazione nasce l’idea di TrIBESdi attuare, sia teoricamente che empiricamente, lo studio di tendenze sociali e culturali da una prospettiva storica. L’obiettivo è quello di mettere al centro della storia sociale un „dominio periferico“ culturale rilevante (Paoli 2017) e i fenomeni sociali della fascia media a partire dagli anni Ottanta.

Perché i Trend per gli storici?

Al di là della loro stilizzazione attraverso la ricerca di mercato, i trend culturali, economiche, produttive, confessionali, ecc. dal punto di vista delle scienze sociali rappresentano fenomeni che nascono in spazi sociali diversi e che innescano nuove pratiche (anche se inizialmente periferiche) nella società. Sebbene queste siano spesso iniziate da o all’interno di specifici gruppi sociali, a medio e lungo termine queste nuove percezioni si sostanziano in nuove identità e affiliazioni, modelli di pratica e comportamenti.

In alcuni casi, nel corso di un periodo di tempo, sviluppano il potere di diventare parte del mainstream. Questo effetto può essere spiegato dall’effetto „coda lunga“ descritto da Chris Anderson. Nella sua teoria, Anderson assegna anche ai soggetti individuali o collettivi non stabiliti la possibilità di produrre concetti, stili di vita, contenuti di nicchia d’azione (come le notizie false) ai margini o al di là dei modelli generalmente accettati e quindi, per un certo periodo di tempo, di ricevere tanta risonanza a livello collettivo e individuale quanta ne sia possibile. Sono proprio questi casi che diventano rilevanti per la storia sociale attraverso la ricerca sulle tendenze storiche.

Le tendenze non sono importanti per lo studio della storia quindi solo „in sé“, ma lo sono anche fenomenologicamente. Ad esempio, offrono una chiave di lettura delle dinamiche opposte alla frammentazione del collettivo sociale dopo il boom, delle identità transitorie e dell’emergere di nuove forme di comunitarizzazione e forme relazionali a partire dagli anni Ottanta, nonché del loro impatto in relazione ai processi di trasformazione sociale, politica, economica, statale e religiosa, che si innescano nel contesto sia di una crescente liquefazione ed emozionalizzazione dei modelli di comportamento, identità e partecipazione, sia di una crescente rilevanza della tecnologizzazione e dell’informatizzazione della società.

Perché una ricerca sulle tendenze storiche?

Perché al di là della sua valenza di „moda“ o di possibili soggetti della storia del pop, queste tendenze, identità e appartenenze, spesso modellate dal consumo e dagli sviluppi dei media, assumono in effetti una rilevanza socio-storica, in quanto sono in grado di creare nuovi sistemi simbolici di ordine e condizioni materiali e quindi di mettere in discussione gli standard di orientamento centrale e le strutture del tessuto sociale, ridefinirli e sfidare la ragion d’essere e il potere normativo dei corpi sociali intermedi come partiti, chiese, aziende, sindacati, strutture dello stato sociale, ecc.

 

La qualità analitica della ricerca sulle tendenze sociali e storico-culturali risiede nel fatto che l’analisi storico-ermeneutica di processi empiricamente misurabili di emersione e di instaurazione di fenomeni sociali di medio raggio, ovvero l’osservazione di processi di penetrazione di alcune forme di pensiero e pratiche nel mainstream della società, consente una percezione trasversale dei diversi processi di cambiamento e dei loro effetti interdipendenti all’interno della modernità sociale industriale degli ultimi 40 anni. Ciò significa, tra l’altro, la creazione di nuove identità e affiliazioni post-tradizionali, nonché la messa in discussione e la trasformazione delle strutture di valore e di comportamento esistenti e dei loro effetti sulle strutture sociali, politiche, economiche, statali e religiose.

Poiché, secondo questa prospettiva interdipendente, tutto è fondamentalmente interessante e tutto è presente allo stesso tempo, ma allo stesso tempo nulla può essere considerato come esclusivo e completo, la ricerca storica sui trend promette, per esempio, alla storia sociale, la possibilità di vedere movimenti, strategie, discorsi individuali e collettivi e pratiche di azione eterogenei come collati tra loro e, attraverso un’interpretazione multistrato, di esaminare la rilevanza socio-storica di tali fenomeni in relazione a diversi contesti e aree della vita sociale.

Base metodologica ed epistemologica della ricerca sulle tendenze storiche

  • Lo studio dei trend in prospettiva storica rifà metodologicamente all’esempio dell’archeologia dei media di Siegfried Zielinski, e quindi si basa principalmente su casi di studio che evidenziano non solo i momenti centrali ma anche quelli periferici della storia (Zielinski 2002). Creando così una nuova relazionalità tra la periferia e il centro, diventa possibile rendere visibili nuove connessioni e coglierle di nuovo. Questi saranno elaborati attraverso un’analisi della sedimentazione delle tendenze, degli stili di vita, dei concetti di valore, delle identità, delle affiliazioni, e saranno inseriti in un contesto di sconvolgimenti sociali attuali, di trasformazione delle strutture sociali e di creazione di nuovi sistemi simbolici di ordine. Questo include anche tendenze e fenomeni sociali che sono passati inosservati, meno riusciti o addirittura parzialmente prosciugati (Zielinski 2002, Goddard 2018, Raffaello 2019).
  • Lo studio dei trend in prospettiva storica si chiede come le tendenze, alcune delle quali esistono da decenni, siano state in grado di affermarsi e stabilizzarsi, e in che misura abbiano causato i processi di messa in discussione, di crisi e di trasformazione delle sottozone sociali, nonché delle strutture politiche, economiche e statali.
  • Lo studio dei trend in prospettiva storica esamina così gli spazi sociali reali esistenti e quelli sempre più virtuali nonché i loro processi di trasformazione. Vengono esaminate le interazioni all’interno di questi spazi e le interazioni dall’interno dello spazio con il mondo esterno. In questo modo, diventa comprensibile come i diversi gruppi ed entità sociali riescano (o non riescano) a stabilire nuovi stili di vita e/o concetti di valore nel mainstream sociale.
  • Lo studio dei trend in prospettiva storica permette di collegare processi verificabili di cambiamento e azioni concrete nello spazio politico e sociale con il livello di percezione e di interpretazione. Questi possono essere esaminati anche come componenti della preistoria sociale, culturale, religiosa e politica dei problemi attuali (crisi finanziaria, deregolamentazione del mondo del lavoro, rifugiati, turismo di massa, crisi della democrazia, crisi della famiglia, fenomeni di riconfessionalizzazione radicale, ecc.)
Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search