Verschlagwortet: lavoro

Quando la “classe” è più cattiva del “maestro”. In morte di Toni Negri

La scomparsa di Antonio “Toni” Negri il 16 Dicembre scorso ha dimostrato, per l’ennesima volta, come il dibattito pubblico e mediatico italiano non riesca a liberarsi da una lettura molto semplificata degli anni Settanta e delle vicende che hanno caratterizzato quel tornante decisivo della storia italiana. Ce ne parlano Jacopo Ciammariconi e Giorgio Del Vecchio

“I certainly wouldn’t call it work anymore” – The Reconfiguration of Work in Italy during the 1970s from a Historical Semantics Perspective

At the end of the 1970s, with the onset of the post-boom crisis, the rejection of regulated labour and the theorisation of its liberation through precarisation and flexi-bilisation became part of a cultural and social semantics for the young gen-eration of workers entering the wage labour system. Their motto was “freeing labour to free life from labour”. Through both a quantitative and quali-tative historical semantic analysis of the sources, this contribution examines the medium- and long-term impacts of this reconfiguration on the practices of regulated and controlled wage labour. It also aims to offer an initial reflection on the use of the historical semantic approach for contemporary history and its possible – or rather, necessary – differentiation from other forms of discourse analysis.

Zivilisations/-prozess in der digitalen Gesellschaft – ein Mini- Symposium

Wie sind der Wandel in Technologie, Gesellschaft und individuellem Habitus miteinander verbunden? Gibt es einen #Zivilisationsprozess zur digitalen Consumer Culture des Social Web und weiter bis zu einem #Metaverse? Der Entwurf einer Perspektive
Am Dienstag 27.09. 2022, 16.00 Uhr – Digital auf Zoom
Mit Impulsbeiträgen von Klaus Janowitz und Massimiliano Livi

Nel terziario avanzato nessuno può sentirti urlare

“Siamo noi l’Homo Futilitus, impegnato nel ruolo di direttore marketing del prodotto, anzi del brand, che ciascuno di noi è diventato e si ritrova costretto a vendere. Neil Vallelly ci conduce, con ricchezza di esempi che abbracciano epoche e Paesi diversi, lungo il cammino che ci ha portati al punto in cui siamo, dove ci sembra normale ciò̀ che non lo è, dove tutte le colpe e le responsabilità̀ sono addossate a ciascuno di noi invece che al sistema neoliberista, la cui atmosfera orwelliana ci rende difficile persino respirare.”

Suche in OpenEdition Search

Sie werden weitergeleitet zur OpenEdition Search